Estero
14.08.2018 - 13:380
Aggiornamento 17:36

Apocalypse now a Genova, crolla un ponte. 35 vittime, rischio di nuovi crolli

Le auto schiacciate sotto il viadotto caduto sarebbero una ventina e ci sarebbero anche delle fughe di gas

GENOVA – Seconda tragedia in circa una settimana sulle strade italiane: dopo l’inferno di Borgo Panigale, il dramma a Genova. È crollato un ponte, quello autostradale Morandi sul Polcevera, sulla A10, con entrambe le carreggiate (per una lunghezza di una decina di metri) che sono precipitate.

Come si può immaginare, scene apocalittiche, e non si sa ancora quante possono essere le vittime. Le Forze dell’Ordine parlano di trenta veicoli e 3 Tir rimasti schiacciati e addirittura di fughe di gas. Ci sarebbe il rischio di nuovi crolli. 

Secondo le prime notizie ufficiali, i morti sarebbero 35, tra cui un bambino, e vi sarebbero almeno 13 feriti, di cui 5 in codice rosso. Tre persone sono state estratte vive.

A causare il cedimento strutturale del viadotto, che ha un’altezza di quasi 50 metri sull’autostrada A10 e attraversa la Val Polcevera, potrebbe essere stato il violento nubifragio che ha colpito il capoluogo ligure questa mattina. Dei testimoni avrebbero parlato di un fulmine che avrebbe colpito il ponte. 

Comprensibili momenti di panico in autostrada nel tratto prima del crollo tra gli automobilisti rimasti bloccati sulla carreggiata, di cui qualcuno ha ripreso il momento del crollo, con urla di terrore e incredulità.

Il tratto autostradale è completamente bloccato.

Tags
ponte
genova
crolli
vittime
rischio
nuovi crolli
© 2018 , All rights reserved