ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
10.11.2021 - 11:140

Ostilità verso la zia, corruzione, aiuto di compagnie militari: il piano criminoso dei nonni di Eitan

Il rapimento del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone era stato pianificato attraverso diversi viaggi in Svizzera, scrive la Procura di Pavia

PAVIA - Un "disegno criminoso messo in atto con lucida premeditazione e meticolosa organizzazione". Così viene definito dalla Procura di Pavia il piano del nonno di Eitan, cui ha partecipato anche la nonna materna, per portare mil bambino in Israele.

L'uomo e l'autista che li ha portati da Pavia a Lugano sono oggetto di un mandato di cattura internazionale e dalle carte della Procura emergono accuse pesanti. Prima del rapimento c'erano stati diversi viaggi in Svizzera, probabilmente per affinare il piano, ricostruiti grazie all’analisi del traffico telefonico.

I Peleg erano spinti da "un sentimento di ostilità nei confronti della zia paterna tutore del minore, Aya Biran Nirko, in quanto contrariati dalla decisione assunta dal Giudice Tutelare di affidare a quest’ultima il nipote", tanto da pensare a un piano criminoso, da cui non si esclude la corruzione ("come testimoniato da una cittadina israeliana, ormai da parecchi anni residente in Italia, la quale nel mese di luglio scorso era stata contattata telefonicamente per conto della Esther Athen Cohen, con la proposta di aiutare la donna a portare il bambino in Israele in cambio di una cospicua ricompensa in denaro") e con il probabile coinvolgimento di persone appartenenti alla compagnia militare privata denominata ‘Blackwater’.

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
eitan
zia
pavia
ostilità
piano
corruzione
procura
diversi viaggi
svizzera
rapimento
© 2022 , All rights reserved