Politica
22.09.2016 - 14:000
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:43

Allarme casse malati. «Se volessero fare utili in Ticino, i premi aumenteranno più del 4,4%»

L'ex Capo dell'ufficio cantonale assicurazioni malattie Bruno Cereghetti parla del previsto boom dei premi delle assicurazioni malattia. «Chi ha modelli alternativi vedrà più aumenti»

BELLINZONA - Brutte notizie per gli assicurati ticinesi: i premi delle casse malati saliranno almeno del 4,4%. Almeno, appunto, perché potrebbe anche andare peggio. Aveva previsioni negative già tempo fa, ma ora è costretto ad essere ancor più pessimista. Bruno Cereghetti, già Capo dell'ufficio cantonale assicurazioni malattie, sulla Regione ha parlato di stangata. Mette l'accento sul fatto che chi è assicurato con un modello alternativo, ivi compreso quello del medico in famiglia, conoscerà aumenti ancora maggiori. A suo dire, era prevedibile che i premi salissero (aveva pronosticato un 3,7%), soprattutto per chi è assicurato secondo questi modelli, i cui premi, spiega, erano troppo bassi. La politica, attacca, «si ferma alla superficie», senza avere gli elementi necessari per prendere decisioni in merito ai premi con cognizione di causa. L'aumento secondo Cereghetti si spiega con l'aumento di spese di minor entità e dunque anche meno note che devono ricoprire le casse malati (si parla di spese amministrative, costi per le riassicurazioni, il rendimento dei capitali impiegati sul mercato finanziario e la compensazione dei rischi coi suoi meccanismi complessi). C'è però la possibilità, appunto, che l'incremento superi il 4,4%, anche se difficilmente arriverà al 6,5% sparato ieri dal portale bonus.ch. «Se le casse malati vorranno fare utili in Ticino, l'aumento sarà maggiore», ha detto Cereghetti, ritenendola comunque un'opzione fuori luogo, dato i premi in eccesso pagati nel nostro cantone.
© 2020 , All rights reserved