ULTIME NOTIZIE Rubriche
Eventi, Cultura & Spettacoli
14.03.2022 - 16:120
Aggiornamento : 25.03.2022 - 17:00

Il 1° maggio torna la Mangialonga dopo due anni di stop. Max Tettamanti: "Se ci è mancata? Eccome..."

Undici tappe enogastronomiche su un percorso di 13 chilometri. Il tutto all'insegna dell'ecosostenibilità. Ecco il programma

MENDRISIO – Dopo due anni di pausa forzata a causa della pandemia, torna il prossimo 1° maggio a Mendrisio la Mangialonga. I rappresentanti della Vineria dei Mir, ideatori e promotori della manifestazione, hanno presentato questa mattina il programma di questa escursione enogastronomica, particolarmente attesa e apprezzata, la prima del genere ad essere stata organizzata in Ticino, oltre 10 anni fa.

“Se mi è mancata? Certo, tantissimo, ma non solo a me, a tutta la Vineria e credo anche a tutti coloro che apprezzano da anni la nostra manifestazione”, ci dice Massimo "Max" Tettamanti, tra le anime della Mangialonga e presidente della Sagra del Borgo di Mendrisio. E la testa pensa già all’autunno: “Abbiamo già messo in moto la macchina organizzativa delle Sagra, che pure manca da due anni, e che in autunno riproporremo sicuramente, a meno che non tornino, ma speriamo di no, nuove misure restrittive”.

Quella del prossimo 1° maggio, spiega, sarà una Mangialonga all’insegna dell’ecosostenibilità. La Vineria ha infatti deciso di ridurre ulteriormente gli sprechi con l’obiettivo di aumentare il piacere delle degustazioni di vini e pietanze. Alla partenza i partecipanti riceveranno per la prima volta, con il bicchiere, anche un set di posate da utilizzare nelle diverse soste, evitando così l’impiego di plastiche monouso, mentre i piatti utilizzati alle soste saranno tutti in ceramica. Per vistare inutili sprechi di carta la Vineria ha inoltre deciso di sviluppare ulteriormente la comunicazione digitale e presenterà i dettagli dei contenuti dell’offerta  proponendo ai partecipanti di consultare le informazioni online o scaricandole con un comodo QerCode che sarà ricordato alla partenza. Non solo: per ridurre l’impatto ambientale, nel biglietto è sempre compreso un ticket per il trasporto pubblico utilizzabile in tutto il Ticino: una sorta di Abbonamento Arcobaleno “one day”, insomma.

“Sono tutte scelte – aggiunge Tettamanti – che testimoniano l’attenzione della Vineria dei Mir per il rispetto del territorio, sia sul piano dei prodotti enogastronomici, sia su quello dell’ecologia”.

La manifestazione del 1° maggio 2022 si snoderà lungo un percorso nuovo, che propone la scoperta di sentieri e di paesaggi che toccano i comuni di Mendrisio, Castel San Pietro e Coldrerio per un tracciato complessivo di 13 chilometri. La partenza, cadenzata tra le ore 08.00 e le 11.50 e organizzata a gruppi di 80 persone, è prevista come di regola al Mercato Coperto di Mendrisio, dove per tutta la giornata e fino alle 22.00 sarà organizzata una buvette con prodotti locali. Il numero dei partecipanti, come sempre, è limitato a 2’000 e la prevendita aprirà il 21 marzo sul sito www.vineriadeimir.ch.

 

Il prezzo è stato fissato a 60 franchi per gli adulti, 40 per i ragazzi dai 10 ai 17 anni ed é gratuito per i bambini fino ai 9 anni. Gli amici a quattro zampe possono accompagnare i loro padroni, ma dovranno essere tenuti al guinzaglio. Nel prezzo, come detto, è compreso il trasporto ferroviario da tutte le stazioni ticinesi fino a Mendrisio e ritorno. La manifestazione avrà luogo con qualsiasi tempo, anche con pioggia e maltempo, ma ovviamente gli organizzatori sperano in una giornata di sole.

 

Undici sono in totale le tappe previste lungo il percorso, tra queste 4 saranno organizzate presso le cantine dei produttori Ortelli, Parravicini, Trapletti e Costa, mentre una è prevista all’interno del Colle degli Ulivi. Tra le novità dell’edizione 2022, la presenza di nuovi produttori (Caseificio Rita di Chiasso, Ristorante Cuntitt con sosta in corte, Cantina Betti e Cantina Fawino) e di nuovi prodotti (formaggi erborinati, formaggi da poco entrati sul mercato, ravioli all’aglio orsino, cioccolato…). Tutti prodotti a chilometro zero. Quattro soste proporranno, infine, un’animazione, con gruppi musicali e un DJ.

 

Sono oltre 50 i volontari della Vineria che lavoreranno durante la giornata per assicurare una buona esperienza a tutti e si coordineranno con gli uffici tecnici dei comuni per gestire trasporti, preparazione e pulizia lungo tutto l’itinerario. L’evento è sostenuto da una decina di sponsor che, grazie alla generosità dei loro contributi, rendono possibile l’evento. Tra i sostenitori istituzionali della manifestazione sono inoltre da ricordare il Comune di Mendrisio, il Servizio ambulanze e Arcobaleno. La promozione e la comunicazione dell’evento, come sempre, è stata coordinata con

l’Organizzazione turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio, che da sempre sostiene il comitato della Vineria dei Mir per questo ed altri eventi legati al territorio ed all’enogastronomia.

Potrebbe interessarti anche
Tags
vineria
anni
dopo due
torna
maggio
mendrisio
due anni
mangialonga
due
dopo due anni
© 2022 , All rights reserved