Cronaca
02.11.2015 - 12:030
Aggiornamento : 21.06.2018 - 14:17

Balestra, «il Mendrisiotto è di serie B? Le Valli, forse, hanno strillato di più»

Durissima presa di posizione. «La pianificazione ospedaliera penalizza il Mendrisiotto. La situazione è già al collasso ora, non sappiamo dove mandare i pazienti in convalescenza e non possiamo ricoverare chi ha bisogno»

MENDRISIO - La pianificazione ospedaliera preoccupa Mendrisio, nonostante l'ala nuova dall'OBV e l'intervento dei sindaci che hanno bloccato ogni rischio di ridimensionamento dell'ospedale. Brenno Balestra, direttore sanitario e primario, in un'intervista a La Regione parte dei lati positivi. «Siamo usciti con un ospedale forte dai lavori di DSS e Commissione, e ne siamo consapevoli. La lungimiranza dimostrata dall’Ente ospedaliero cantonale nel promuovere l’ala nuova dell’OBV ci proietta in un avvenire dinamico che restituisce progettualità a tutto vantaggio dell’ospedale di prossimità, al quale crediamo molto. Si vuole investire sulla chirurgia ambulatoriale o semi-ambulatoriale di "day hospital", che se funziona bene permette di evitare dei ricoveri». Ma non è tutto oro quel che luccica, anzi. L'OBV è l'unica struttura, dopo che il Santa Lucia di Arzo è divenuto casa anziani, a letti acuti somatici nel Mendrisiotto. «I posti sono insufficienti", spiega Balestra. "Si è capito che la priorità del nostro sistema sanitario ticinese, in ritardo e un po’ in crisi, è la mancanza di questi letti post acuti, necessari ad accompagnare i pazienti più fragili nel recupero delle forze per poi poter tornare a casa. L’ospedale acuto, infatti, ha bisogno di uno sbocco. Altrimenti il sistema collassa». Al di là di come si farà ad aumentare i posti letti, scontentando o Comuni o casse malati, col rischio di ricorsi, Balestra è preoccupato e indignato per il Mendrisiotto. «La nostra occupazione è folle ormai. Ci sono momenti dell’anno in cui mi ritrovo a dire che servirebbero i letti a castello. E sarà sempre peggio visto l’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle malattie croniche». E sono sempre più i pazienti che sono alla ricerca di un posto dove andare in convalescenza. «Non possiamo dimetterli (non possono rientrare a casa) e nessuna struttura può accoglierli perché al completo. Calcoliamo che dai 10 ai 20 degenti, quotidianamente, aspettano in OBV dagli 8 ai 20 giorni per avere un letto in un istituto. È ancora peggio in queste settimane. È una inefficienza sanitaria totale», prosegue Balestra, che parla di persone in attesa di ricovero che però non possono essere collocati, perché l'ospedale è pieno di chi non può ancora andare a casa. Anche con l'aumento dei posti letti post acuti prospettata, il Mendrisiotto resterebbe, secondo i calcoli del primario, sotto la media. «Nei fatti siamo doppiamente penalizzati. E questo a fronte di un fabbisogno chiaro ed evidente di almeno 45 posti letto. Eppure ci ritroviamo sottodotati due volte: nell’acuto e nel post acuto. I momò, mi domando, sono cittadini di serie B?», attacca Balestra. «Non siamo stati ascoltati. Allora che si abbia il coraggio di dirlo; che il Mendrisiotto sarà penalizzato. Anche perché siamo noi, in prima linea, a doverlo spiegare a pazienti e famigliari. Vuol dire essere poco rispettosi dei nostri anziani, costretti a essere spostati come pacchi in altri distretti. È un’ingiustizia che fa male al cuore». A nulla è servito provare a portare le proprie ragioni. «Forse le Valli hanno saputo strillare più forte. Chissà. Sta di fatto che sono molto deluso dai rappresentanti del Mendrisiotto che siedono nella Commissione. Dove erano?»
Potrebbe interessarti anche
© 2020 , All rights reserved