Cronaca
13.02.2019 - 11:520

Senza accordo quadro, per l'UE non si potranno rinnovare le intese sul reciproco accesso ai mercati

In un rapporto sulla Svizzera, Bruxelles auspica che il Consiglio Federale sostenga bozza e la trasmetta alle Camere. Anzi avrebbe preferito una sottoscrizione già a dicembre

BRUXELLES – La firma dell’accordo quadro è la condizione preliminare per futuri trattati tra Unione europea e Confederazione. 

Si legge così nella bozza delle conclusioni redatto da Bruxelles sul nostro Paese (come sugli altri appartenenti all'Associazione europea di libero scambi). Dunque, o si firma o… ci saranno certamente conseguenze (non viene detto esplicitamente).

Però è certo che le intese esistenti sul reciproco accesso ai mercati non potranno essere rinnovate se non dopo la firma dell’accordo.

Ora l’UE auspica che il Consiglio Federale sostenga la bozza e la trasmetta entro primavera. Anzi, si rammarica che Berna non abbia deciso di firmare l’intesa già in dicembre.

Il braccio di ferro prosegue.

4 mesi fa La Camera di Commercio: "L'accordo quadro non è perfetto, ma... Chi dice no non ha proposto alternative"
4 mesi fa "Bruxelles non rinegozierà l'accordo quadro. Però..."
5 mesi fa Accordo quadro, Cassis non arretra. "La rigidità dell'UE? Conseguenza della linea ferma tenuta col Regno Unito"
5 mesi fa Accordo quadro, quasi game over. "Per la Svizzera non c'è più margine, l'UE ha concesso molto"
Tags
accordo
reciproco accesso
accordo quadro
intese
bozza
mercati
bruxelles
ue
accesso
firma
© 2019 , All rights reserved