Cronaca
05.08.2019 - 16:380

Il calcio unisce. A Someo amichevole tra il club locale e il Football Femminile Lugano

Parlano Marco Ruberto e Stefania Maffioli, allenatori di Someo e Football Femminile Lugano: "Buona iniziativa, ma ripeterla con frequenza non porterebbe benefici"

SOMEO – Potranno mai maschi e femminile giocare contro in una partita di calcio? La questione è stata sollevata in più occasioni durante i Mondiali Femminili di quest’estate e i pareri sono discordanti. Difficile, se non impossibile, pensare a un campionato ‘misto’, vista e considerata la diversa natura fisica dei protagonisti. Non impossibile, invece, vedere il gentil sesso del pallone contro i maschi in un incontro amichevole.

È quanto avvenuto lo scorso sabato a Someo, dove la compagine locale guidata da Marco Ruberto (4° Lega) e il Football Femminile Lugano di Stefania Maffioli, fresco di qualificazione in Champions League, si sono sfidate in 90’ curiosi e suggestivi e sotto gli occhi di numerosi spettatori.

Il match, per la cronaca, è terminato 5-0 a favore dei padroni di casa grazie alla tripletta di Lunari e le reti di Burzi e Gianinazzi. Ma da dove è nata l’idea della singolare amichevole? “Il loro presidente Emanuele Gaiarin – ci spiega Ruberto – ha una casa a Someo e le ragazze hanno svolto un ritiro sul nostro campo la prima settimana di preparazione. La collaborazione con la nostra squadra è stata ottima e di conseguenza è nata l’occasione di disputare un’amichevole diversa dal solito”.

Ma quanto diversa? “Ovviamente l’aspetto fisico ha la sua importanza. I maschi per natura sono più muscolosi e in un contrasto deciso possono far male a una donna. Ci siamo confrontati con un’altra realtà di calcio, ma devo dire che il livello è ottimo. Dal punto di vista tecnico-tattico il Lugano è un’ottima squadra in grado di potersela giocare con i maschi. Fisicamente, invece, è logico che ci sia un divario”.

“È stata – conclude l’allenatore del Someo – una bella occasione e auspico che l'impegno e la competenza del Lugano Femminile possano portare ad altri bei traguardi per il calcio ticinese”.

È soddisfatta anche Stefania Maffioli. L’allenatrice delle bianconere aveva inizialmente “accolto con scetticismo la notizia dell’amichevole a causa del confronto impari dal punto di vista fisico. “Poi – spiega – mi sono dovuta ricredere. È stata un’ottima esperienza che ci ha permesso di chiudere la quarta settimana di lavoro con un test bello intenso e utile per le prime valutazioni”.

Secondo Maffioli, “questo genere di amichevoli sono delle buone iniziative, anche se ripeterle frequentemente non ci porterebbe benefici, visto che comunque bisogna sempre fare attenzione. Siamo però molto disposte a collaborare con tutte le società fuori dal campo”.

La guida del FFL ci parla anche della prossima stagione che vedrà le ticinesi disputare la Champions League. “Non vediamo l’ora di iniziare, siamo cariche e vogliose di fare bene. Il presidente ha allestito una rosa molto competitiva. Il gruppo è per due terzi nuovo e ci vorrà un po’ di tempo prima che tutte si abituino”. Giocare in Europa “non sarà facile perché ci confronteremo sicuramente con una delle migliori 16 squadre d’Europa. Quello che possiamo promettere è il massimo impegno e voglia di andare avanti e goderci questo sogno”.

Il debutto ufficiale delle ragazze di Maffioli è fissato per sabato 17 agosto in casa del San Gallo. Prima però c’è spazio per due amichevoli ravvicinate contro avversarie illustri. Sabato 10 agosto a Taverne il Lugano Femminile se la vedrà con il Milan, mentre il giorno successivo si recherà a Vinovo per sfidare le campionesse italiane della Juventus. “Sono due ottimi test per noi – conclude –, anche il dispendio di energie sarà elevato. Io e il mio staff dovremo essere bravi a dosare le forze e gli equilibri per non sovraccaricare la gambe delle ragazze”.

Potrebbe interessarti anche
Tags
lugano
femminile lugano
football femminile
football femminile lugano
maffioli
someo
femminile
calcio
football
stefania maffioli
© 2019 , All rights reserved