ULTIME NOTIZIE Attualità
Cronaca
29.12.2019 - 14:190

Un anno in dieci notizie, dalle elezioni alla nostalgia per Amélie, da XFactor alle polemiche Notari-Robbiani

Fece molti clic la vicenda di otto frontalieri che in Italia percepivano l'assegno di disoccupazione, cosi come la difesa di un'ex allieva a chi frequentava i livelli B. Senza scordare gli auguri della Littizzetto a Casanova

BELLINZONA - Siamo ormai giunti al termine del 2019, un paio di giorni e i bagordi di Capodanno ci separano dal 2020. in tema di retrospettive, quali sono stati i temi che maggiormente hanno interessato i lettori di TicinoLibero?

 In testa c'è la politica. La nostra diretta live dei risultati delle cantonali di aprile, che videro il Governo riconfermato tranne Beltraminelli che fu battuto da De Rosa, è l'articolo maggiormente letto di tutto l'anno.

Poi ha destato scalpore la truffa di otto cittadini italiani, che  incassavano le indennità di disoccupazione nel loro Paese, ma in realtà avevano un permesso G valido ed avevano un regolare posto di lavoro, da cui ovviamente incassavano lo stipendio.

Al terzo posto una storia commovente, quella di una padrona che cerca Amélie, la sua cagnolina scomparsa ormai da un anno e qualche mese, senza rassegnarsi mai. Il suo post in cui diceva di sentire tanto la mancanza di quella che chiamava la sua bimba, esprimendo l'angoscia di non sapere nulla della sua sorte, fece molti clic.

Appena sotto il podio, XFactor e i quattro ticinesi inizialmente selezionati, tutti provenienti o comunque collegati alla scuola di Paolo Meneguzzi. Per tutti un'esperienza indimenticabile.

Al quinto posto le polemiche sui livelli a scuola. Una docente, ai tempi attiva a Mendrisio e Morbio come insegnate di tedesco, era finita nella bufera per un libro pubblicato dove prendeva di mia colleghi ed allievi. In particolare, diede dei "persi, privi dell'appoggio della famiglia e incapaci": una ragazza le scrisse una lettera aperta, dicendole: "Da quel che ricordo, proprio tra gli allievi del livello B c'era chi aveva progetti più grandi. E ora siamo copywriter, meccanici, avvocati, pasticceri, ecc".

Fece tante letture anche la trasmissione Politicamente Scorretto, dove Nicolo Casolini e Raffaele De Rosa ebbero a che fare con due ragazze che indossavano una tuta da ginnastica, dovendo indicare parti del corpo. Per molti la figura della donna veniva svilita e furono scintille.

Poi due vicende legate al lavoro, quello che c'è e quello che non c'è. Una lettrice ci segnalò il caso di un distributore di Arbedo che a suo dire aveva progressivamente licenziato i collaboratori di vecchia data per sostituirli da altri provenienti dai Balcani. "Non abbiamo problemi coi lavoratori ticinesi ma il gerente sceglie chi vuole", replicò il gerente. D'altro canto, colpi molto il racconto di una ticinese in difficoltà, che affermava come dovesse scegliere se fare la spesa o pagare le fatture. Offerte di lavoro? Certo, ma con uno stipendio di 2'200 franchi.

Infine a completare la top 10, la  polemica tra Ruben Notari, candidato del PS e Massimilano Robbiani della Lega e gli esilaranti auguri di buon compleanno di Luciana Litizzetto a Michael Casanova.

Nei correlati, i dieci articoli piu cliccati. 

© 2021 , All rights reserved