ULTIME NOTIZIE Attualità
Cronaca
28.04.2020 - 12:040

Il SISA: "Bene annullare gli esami orali. Lo faccia anche il Consiglio Federale"

Il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti: "L'insegnamento a distanza si è dimostrato tutt'altro che democratico. Il CF segua l'esempio del DECS"

BELLINZONA – È con soddisfazione che il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) accoglie la decisione del DECS di annullare le prove orali degli esami. La decisione – si legge in una nota – è in linea che le rivendicazioni dello stesso sindacato di inizio aprile “qualora la situazione non si fosse normalizzata nel breve periodo”.

“La scelta – continua la nota – intrapresa dal Dipartimento risponde ad una situazione particolare che non permette il normale apprendimento e lo studio degli argomenti d'esame: l’insegnamento a distanza si è dimostrato tutt'altro che democratico e ha messo in luce una situazione già da tempo denunciata dal sindacato, in cui le origini socio-economiche delle studentesse e degli studenti condizionano in maniera determinante i loro "risultati" scolastici. Sedal profilo sanitario la pandemia sembra dunque colpire indistintamente tutte le classi sociali, dal profilo scolastico ed economico l'attuale situazione sanitaria colpisce con maggior forza le fasce deboli della popolazione.”

E ancora: “Questo fenomeno si ripercuote asimmetricamente sul corpo studentesco ed è dunque una pura illusione credere che si possano fare degli esami di maturità senza tenere conto di questa realtà. A corroborare questa posizione troviamo un interessantissimo sondaggio svolto dal Comitato studentesco del Liceo di Bellinzona, in cui vengono evidenziati con chiarezza gli squilibri emersi da questa situazione: il 17,5% del corpo studentesco non ha uno spazio idoneo per dedicarsi agli studi, il 21,8% non riesce ad avere un ambiente silenzioso e proficuo per l’insegnamento a distanza, uno studente su dieci non ha gli strumenti informatici necessari, uno studente su quattro sostiene di avere una situazione famigliare che impedisce di seguire con regolarità l’insegnamento a distanza”.

Poi l’attacco ai Giovani liberali radicali ticinesi: “Ci fa dunque sorridere (ma anche preoccupare) la semplicità con cui i Giovani liberali radicali ticinesi (GLRT) hanno dipinto lo scenario formativo attuale: dovrebbero rendersi conto che non tutti godono degli stessi agi a cui sono abituati grazie alla loro spesso privilegiata condizione sociale! Ma, come abbiamo visto anche in occasione dei tagli alle borse di studio, i giovani liberali non hanno una indole particolarmente democratica per quanto riguarda la scuola e il diritto allo studio... Osiamo solo immaginare cosa avrebbe detto Stefano Franscini di fronte a queste dichiarazioni”.

“Per quanto riguarda in modo particolare i maturandi, secondo il sondaggio del comitato studentesco del LiBe più della metà degli studenti sostiene di non avere tempo a sufficienza per prepararsi agli esami oltre alle settimanali lezioni in rete. In questo scenario appare quindi del tutto folle pensare di poter svolgere anche gli esami scritti come se nulla fosse successo: il sindacato studentesco invita pertanto il Consiglio Federale a seguire l’esempio del DECS e ad annullare anche le prove d’esame scritte. Per ovviare ai problemi di incertezza formativa che affliggono il corpo studentesco, il SISA invita inoltre a rilasciare d’ufficio gli attestati di maturità a tutte/i le/i liceali iscritti, così come rivendicato in una nostra risoluzione del 2 aprile inviata alle autorità cantonali e federali”.

Potrebbe interessarti anche
© 2021 , All rights reserved