Cronaca
26.11.2020 - 15:580

Un crowfunding per il Mulino? La voglia di ripartire c'è e il Ticino urla #iosonoilmulino

Un'iniziativa social che chiedeva di condividere una foto ha avuto un migliaio di adesioni, c'è tanto affetto verso il simbolo di Maroggia. Intanto le opere di spegnimento del rogo non sono ancora concluse

MAROGGIA - A Maroggia, si sente ancora odore di bruciato, i muri delle case ne son impregnati: forse solo la pioggia toglierà questo sapore acre, anche se non potrà cancellare quanto accaduto qualche giorno fa. I lavori di spegnimento, fa sapere lo stesso Mulino, sono ancora in corso di svolgimento e il silos di legno è in fase di sgombero per permettere l'accesso ai pompieri allo stabile lato sud.

Ma c'è tanta voglia di ripartire. Nonostante magazzino e prodotti finiti sfusi, produzione e  pulitura sono andati completamente distrutti, Alessandro Fontana vuole ripartire, grazie a collaborazioni esistenti con altre aziende e pensando poi a una ricostruzione totale.

Intanto la solidarietà di tutto il Ticino si fa sentire. La pagina Facebook ha lanciato un hastag, iosonoilmulino, chiedendo di condividere una foto dedicata come copertina: più di 1000 persone hanno aderito, così come sono tantissimi coloro che hanno inviato foto e ricordi sotto i post. 

L'intenzione, partita da chi si occupa della parte di comunicazione del Mulino, è di lanciare un crowfunding, idea che è piaciuta a Fontana. Si dovranno definire le ricompense per chi deciderà di donare qualcosa.

Nel frattempo, i corsi di cucina proseguiranno in forma online, la responsabile ha scelto di tenerli anche per un solo iscritto, mettendosi a disposizione per varie fasce orarie. 

Le idee, insomma, sono tante. La voglia di ripartire anche. 

© 2021 , All rights reserved