Cronaca
01.12.2020 - 13:460

Sì degli Stati ai matrimoni di coppie omosessuali

La revisione del codice civile è stata approvata con 22 voti favorevoli, 15 contrari e 7 astenuti

BERNA – Il Consiglio degli Stati ha detto sì: anche le coppie omosessuali devono potersi unire in matrimonio. Gli Stati hanno approvato la revisione del Codice civile con 22 voti favorevoli, 15 contrari e 7 astenuti. Nel dibattito mattutino, i senatori si sono concentrati sulla necessità di modificare la Costituzione per aprire il matrimonio alle coppie dello stesso sesso.

"Il concetto di matrimonio – ha detto Martin Schmid del PLR – viene oggi ancora inteso nella società come unione tra un uomo e una donna. È quindi necessaria una solida base costituzionale".

Per quanto riguarda l’accesso alla donazione di sperma per le coppie lesbiche, i "senatori" hanno introdotto una divergenza con il Nazionale esprimendosi a favore di una regolamentazione più precisa e differenziata, che tenga meglio conto del diritto del bambino di conoscere la sua ascendenza. Il Consiglio degli Stati vuole che la moglie della madre venga registrata anch’essa come madre del bambino solo in caso di donazione di sperma. 

Il progetto prevede inoltre adeguamenti alle disposizioni del diritto internazionale privato. Attualmente, infatti, il matrimonio celebrato all’estero da una coppia omosessuale è riconosciuto in Svizzera quale unione domestica registrata.

© 2021 , All rights reserved