Cronaca
04.02.2021 - 16:560

Detto, fatto: dopo i rimproveri a chi fa asporto, l'Ufficio del Medico Cantonale fa chiudere il Bar Indipendenza di Bellinzona

Risale a oggi pomeriggio la precisazione che ricorda come sia vietato consumare fuori dai locali. Il gerente annuncia ricorso: "Perché devo chiudere, fino alla fine del mese, solo io? Eppure dicevo ai miei clienti di non assembrarsi"

BELLINZONA - Il DI ha inviato nelle redazioni un comunicato dove ricordava che, per chi garantisce il servizio da asporto o take away, è vietato lasciar sostare gli avventori fuori dal locale a consumare il pasto. Non solo un avvertimento: è stato preso anche un provvedimento, con la chiusura di un bar.

Si tratta del Bar Indipendenza a Bellinzona, oggetto di diverse segnalazioni,con foto di assembramenti all'esterno che erano circolate sui social. Attorno alle 14 è arrivata la Polizia e ha mostrato al gerente la decisione, firmata dall'Ufficio del Medico Cantonale, che intima la chiusura fino a fine mese. Niente più asporto, dunque.

Il gerente non ci sta e conferma al Corriere del Ticino che farà ricorso. Ritiene non corretto che solo il suo esercizio pubblico sia stato sanzionato mentre ci sono altri locali nella medesima situazione (ne indica uno proprio di fonte) che restano aperti. E sottolinea d essersi prodigato per far allontanare i suoi avventori, avvertendoli di non assembrarsi e di non consumare fuori dal locale. 

© 2021 , All rights reserved