Economia
23.08.2020 - 17:500
Aggiornamento : 29.08.2020 - 18:06

Lambrenedetto XVI: "Adesso la spesa in Italia conviene meno: carne, pesce, vino. Anche in Ticino c'è disoccupazione"

Lo youtuber sostiene che il costo della vita in Ticino sia una volta e mezzo più di quello in Lombardia, con il triplo degli stipendi. "Non c’è più quel divario enorme. I prodotti generici, se conosci i posti giusti, non li paghi molto di più"

MILANO – Conviene ancora fare la spesa in Italia? Adesso i prezzi nei supermercati italiani hanno conosciuto un aumento generalizzato, in particolare dopo il lockdown e non sono poche le lamentele.

Ad affrontare il tema è lo youtuber Lambrenedetto XVI, da sempre appassionato della vita in Svizzera. La sua convinzione, espressa più volte, è che il costo della vita in Ticino sia una volta e mezza quello della Lombardia, con stipendi però tripli. Ma adesso precisa: “Con l’aumento dei prezzi, la convenienza c’è solo per chi abita a pochi chilometri dal confine e solo su alcuni prodotti. La carne e il pesce, il vino, direi. Non c’è però più quel divario enorme. I prodotti generici, se conosci i posti giusti, non li paghi molto di più in Ticino”.

Dove peraltro non è tutto rose e fiori. “Ripeto, resta più economico il Ticino per l’autostrada (35 euro per tutto l’anno in tutta la Svizzera), per il vestiario e per l’elettronica. Ma anche qui ci sono problemi, la disoccupazione è abbastanza alta, non è facile trovare lavoro, anche se la mia idea è che se sei qualificato e hai qualità il posto lo trovi in tutto il mondo”.

Dove peraltro non è tutto rose e fiori. “Ripeto, resta più economico il Ticino per l’autostrada (35 euro per tutto l’anno in tutta la Svizzera), per il vestiario e per l’elettronica. Ma anche qui ci sono problemi, la disoccupazione è abbastanza alta, non è facile trovare lavoro, anche se la mia idea è che se sei qualificato e hai qualità il posto lo trovi in tutto il mondo”.

© 2020 , All rights reserved