Sciatori che consumano un pasto take away a Bosco Gurin. TiPress/Alessandro Crinari
ULTIME NOTIZIE Attualità
Economia
11.01.2021 - 16:350

Anche Bosco Gurin riduce le aperture. "Senza la ristorazione, la pratica dello sci è estremamente limitata"

Nonostante si siano registrati dai 600 ai 1'000 sciatori al giorno con temperature rigide e condizioni meteo avverse, non basta a coprire i costi. "Nelle vacanze natalizie sono mancate almeno l'80% delle famiglie"

BOSCO GURIN - I comprensori sciistici, oggetto di polemiche e discussioni, sono aperti. Ma spesso le restrizioni costringono anche loro a ridurre i giorni di apertura: dopo Airolo Pesciüm, anche Bosco Gurin ha comunicato, seppur a malincuore, che sulle sue piste si potrà sciare solo da giovedì 14 gennaio a domenica 17 gennaio, almeno per quanto concerne questa settimana.

"Malgrado tutti gli sforzi intrapresi a livello di piani di protezione, soprattutto in seno alla ristorazione, non ci è possibile garantire un'apertura quotidiana. La decisione delle Autorità di prolungare la chiusura della ristorazione complica ulteriormente la gestione degli impianti, soprattutto in un periodo come questo dove fa molto freddo e comprensibilmente la gente non è disposta a consumare un pasto caldo a meno 12 gradi. Questa restrizone funge quindi da deterrente ed è un freno tangibile alla pratica dello sci. Basti pensare alle vacanze natalizie dove sono venute a mancare almeno l'80% delle famiglie", si legge in una nota del comprensorio.

"Gestire un comprensorio sciistico comporta notevoli costi di gestione, dal personale a tutta l'infrastruttura per quanto concerne la preparazione delle piste. Fintantoché non si potrà riaprire la ristorazione garantendo tutte le norme igieniche di sicurezza, la pratica dello sci è estremamente limitato", prosegue, pur precisando che "fino a fine febbraio sia il Ristorante Rossoboda che la Capanna Grossalp continueranno ad offrire il servizio di cibo da asporto (piatti caldi e piatti freddi)". Ma, appunto, non è evidente consumare da asporto sulle piste da sci.

C'è incertezza sul futuro. "Comunicheremo attaverso il nostro sito e i nostri canali social, di settimana in settimana, l'apertura del comprensorio. Le condizioni della meteorologia potrebbero incidere se aprire anche in altri giorni o se limitare ulteriormente l'apertura delle piste. Vi preghiamo pertanto di voler consultare regolarmente il nostro sito internet", continua il comunicato, precisando che "nel corso dei prossimi giorni verrà rilasciata la nuova versione dell'APP di Bosco Gurin per smartphone, grazie alla quale si sarà sempre aggiornati in merito all'apertura degli impianti, delle piste e di tutte le infrastrutture legate alla pratica dello sci (noleggio, scuola sci ecc.). Grazie a questa nuova applicazione sarà possibile ricevere importanti aggiornamenti tramite messaggi PUSH (esventuale contingente raggiunto, stazione al completo)".

I giorni di apertura sono stati caratterizzati da disciplina e rispetto delle regole, di cui i gestori sono grati. "Cogliamo l'occasione per ringraziare tutti gli sciatori che sono venuti a trovarci nelle vacanze di Natale malgrado la meteo avversa e le temperature rigide, seguendo piuttosto bene tutte le regole imposte dal nostro piano di protezione, affinché si potesse svolgere la pratica dello sci nella massima sicurezza. Abbiamo registrato una presenza da 600 a 1000 sciatori al giorno ed è grazie a loro che troviamo la motivazione per proseguire questa difficile stagione". 

Potrebbe interessarti anche
© 2021 , All rights reserved