Sanità
07.08.2019 - 13:200
Aggiornamento : 14:54

Errori medici e mal di pancia, al Santa Filomena arrivano due supervisori

Fonio, che aveva presentato un'interrogazione: "Abbiamo taciuto dopo gli attacchi della direzione, il nostro obiettivo era sostenere gli anziani, i loro familiari e il personale. Una risposta concreta alla denuncia!"

STABIO – Clima pesante, ma anche errori medici, per esempio nella somministrazione dei medicamenti. Giorgio Fonio e Lorenzo Jelmini avevano reso nota con un'interrogazione la situazione nella casa anziani Santa Filomena di Stabio qualche tempo fa, supportati da dei parenti.

Ed ora si interviene. Le autorità cantonali, in particolare il Medico Cantonale Giorgio Merlani, in accordo pare con l’istituto, hanno deciso di inserire due figure di supervisione, per dare una mano al personale e agli ospiti.

Gli ambiti in cui le due persone prescelte agiranno sono la gestione amministrativa (dunque, in merito ai mal di pancia di chi lavora) e sanitaria (ovvero, gli errori di cui si è parlato). La missiva che spiegava l’arrivo delle due figure ai dipendenti è di metà luglio.

Soddisfatto Fonio, che commenta come alle prese di posizione anche parecchio dure della direzione del Santa Filomena lui e Jelmini avevano preferito tacere. “Non abbiamo più rilasciato dichiarazioni e neppure reagito alle dichiarazione dei vertici che ci accusavano di aver presentato un’interrogazione “dai toni a dir poco scandalistici e dalle finalità indubbiamente propagandistiche”. Questo per permettere a tutti gli enti coinvolti di verificare con la dovuta serenità se quanto da noi segnalato fosse vero”, spiega infatti. “L’obiettivo del nostro atto parlamentare era quello di sostenere gli anziani, i loro famigliari e il personale e salvaguardare la tutela, la dignità e la sicurezza delle persone. Dopo 90 giorni dalla presentazione dell’interrogazione, a conferma della legittimità della stessa, ai dipendenti sono stati presentati due supervisori che affiancheranno la gestione amministrativa e sanitaria. Una risposta concreta alla nostra denuncia!”

© 2020 , All rights reserved