ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
20.07.2022 - 11:160
Aggiornamento: 24.07.2022 - 18:18

Terremoto giudiziario sulla LM Group. Sette fermati per presunta frode sulle indennità Covid. Tra gli indagati anche Cannavale

Maxi operazione sul gruppo specializzato in viaggi online. L'azienda: "Collaboriamo, ma non abbiamo colpa nei casi esaminati"

CHIASSO - Il Ministero pubblico ha aperto un’inchiesta sulla società LM Group. Si sospetta che l’azienda, specializzata in viaggi online, abbia commesso una frode in relazione alla richiesta e al ricevimento di indennità di lavoro a tempo ridotto in relazione alla pandemia Covid-19. Martedì sono state effettuate perquisizioni nelle sedi di alcune filiali del gruppo, che è quotato alla Borsa svizzera. “Gli accertamenti – si legge in una nota della Procura - sono finalizzati a comprendere se sussistano i presupposti di reati di natura penale nell'ambito dell'ottenimento di indennità per lavoro ridotto. Al dispositivo condotto dalla Polizia cantonale (e nato a seguito di un'attività investigativa sviluppatasi nel corso degli ultimi mesi) hanno collaborato anche agenti delle Polizie comunali di Chiasso, Mendrisio, Lugano, Ceresio Nord, Torre di Redde e Bellinzona. Il copioso materiale raccolto è ora oggetto di approfondimenti da parte degli inquirenti”.

Nell’ambito dell’operazione sono stati fermati 7 italiani tra i 33 e i 57 anni, la cui posizione è attualmente al vaglio. I reati ipotizzati sono quelli di truffa e, in subordine, ottenimento illecito di prestazioni di un'assicurazione sociale o dell'aiuto sociale. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Claudio Luraschi. 

Le indagini giudiziarie riguardano le controllate svizzere BravoNext, BravoMeta CH e LMNext CH, ha dichiarato oggi la società Lm Group. L’importo totale dei sussidi pubblici ricevuti da queste aziende da marzo 2020 a febbraio 2022 per i loro 500 dipendenti ammonterebbe a 28,5 milioni di franchi. La magistratura sospetta le aziende di frode, per aver riscosso impropriamente i sussidi assicurativi o assistenziali e di aver violato la legge sull’assicurazione contro la disoccupazione.

Lm Group informa che le persone oggetto dell’indagine sono "alcuni attuali ed ex dirigenti" e membri degli organi delle società controllate interessate, tra cui l’amministratore delegato Fabio Cannavale e il responsabile delle operazioni, Andrea Bertoli. Assicurando la propria collaborazione alla Procura ticinese, l’ex lastminute.com si è detta sicura di non aver commesso alcuna "colpa" nei casi esaminati. Ulteriori atti istruttori verranno valutati nei prossimi giorni in base anche all'esito delle verifiche in corso.

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
cannavale
frode
ch
group
indennità
fermati
lm
lm group
covid
chiasso
© 2022 , All rights reserved