ULTIME NOTIZIE News
Politica
15.05.2022 - 15:390

La domenica in chiaroscuro dei Verdi. "Il Consiglio Federale vigili sulla politica di Frontex"

Sebbene contenti per il sì alla legge Netflix e per la modifica di quella sui trapianti, gli ecologisti sono preoccupati per la vittoria del decreto Morisoli: "Al contrario di quanto detto ci saranno tagli"

BELLINZONA - “Il verdetto popolare va sempre rispettato ma ci dispiace che i favorevoli al decreto, veicolando un messaggio fuorviante basato su argomentazioni false, siano riusciti a convincere la maggioranza dei votanti a dire Sì”, sostiene la co-coordinatrice dei Verdi Samantha Bourgoin con amarezza. A suo avviso, per raggiungere il pareggio di bilancio in tre anni sarà necessario, nonostante quanto si dice, "effettuare tagli negli ambiti come la salute, la formazione, l’ambiente, la cultura e ciò anche a discapito delle fasce più deboli della popolazione. Si tratta di una visione poco lungimirante, che sarà fortemente impattante sulle vite di molti ticinesi e sulla quale i Verdi del Ticino vigileranno".

Il sì al decreto Morisoli non piace ai Verdi.

Per il resto, c'è gioia per le vittorie della legge Netflix e della modifica di quella sui trapianti, rammarico per la scelta del popolo svizzero di dire sì al rafforzamento di Frontex.  “Continueremo a lavorare affinché la Svizzera metta i diritti umani al centro della sua politica di Frontex, e per questo chiediamo che i respingimenti collettivi siano considerati reati a sé stanti", affermano, anche se Gysin è convinta che "il Sì dell'elettorato deve essere inteso come un Sì a dei rapporti stretti con l'Europa e non come un Sì alla politica isolazionista e di violazione dei diritti umani di Frontex. Mai prima d'ora così tanti politici borghesi hanno riconosciuto le violazioni dei diritti umani alle frontiere europee e si sono espressi a favore della riforma di Frontex. Questo è il merito del referendum".

Ora il Consiglio Federale dovrà "assumersi la responsabilità a livello europeo e nei confronti dell'elettorato di attivare una riforma di Frontex che rispetti i diritti umani. Ciò include la creazione di una norma penale per le deportazioni collettive: se le guardie di frontiera svizzere dovessero risultare (co-)responsabili di deportazioni collettive, esse dovranno essere chiamate a rispondere delle loro azioni. I Verdi presenteranno un intervento parlamentare in tal senso durante la sessione estiva".

I Verdi sono lieti che la legge sul cinema sia stata approvata, così come quella sul trapianto degli organi.

Potrebbe interessarti anche
Tags
federale
verdi
frontex
consiglio federale
consiglio
politica
decreto
legge
netflix
decreto morisoli
© 2022 , All rights reserved