ULTIME NOTIZIE Politica
Politica
18.12.2019 - 12:000

"Tassiamo i frontalieri che arrivano in auto, avremmo nelle casse cantonali 12 milioni l'anno"

Wicht propone una tassa mensile di 40 franchi per ogni auto italiana che entra in Ticino: "i problemi sulla nostra salute lavorativa, li conosciamo tutti, ma un ulteriore danno che provocano ogni giorno, è lo smog"

di Omar Wicht*

Partiamo dal presupposto, chi inquina paga! A Lugano, due mesi or sono, i verdi e la sinistra in generale hanno dichiarato l'emergenza climatica.

Mi trovano pienamente d'accordo, ci sono troppe emissioni di CO2 nell'aria, non solo a Lugano, ma in tutto il Cantone. Chiedetelo nel Mendrisiotto.. Anche se come spesso ho ribadito che il problema numero uno della nostra città, nonchè del nostro Cantone, sia quello della salvaguardia del lavoro, stavolta i "compagni" mi hanno convinto. 

I frontalieri sono 70 mila e passa.. ormai lo sappiamo, un numero sporporzionato in proporzione al fabbisogno-lavoro del nostro Cantone. In effetti i danni sulla nostra salute lavorativa, li conosciamo tutti, ma un ulteriore danno che provocano ogni giorno, è lo smog delle loro 40-50 mila autovetture che transita in largo e in lungo per il nostro cantone.

Prendendo spunto dal Canton Ginevra, che ad inizio novembre ha appena introdotto un bollino ambientale, perchè non farlo per le 50 mila auto d'oltreconfine, praticando una tassa mensile di 40 chf ulteriori per salvaguardare l'ambiente... 40 chf. per 50 mila auto uguale 1 milione (al mese).

Nelle casse Cantonali questo milione, si tramuterebbe in 12 milioni al anno di introito netto. A mio parere, oltre a salvaguardare l'ambiente, introducendo questo bollino ambientale, potremmo incentivare i frontalieri a venire in ticino con i mezzi pubblici, inquinando di meno.

*Consigliere comunale Lugano, Lega

Potrebbe interessarti anche
© 2021 , All rights reserved