Politica
13.02.2020 - 09:000

Galeazzi provoca il PS: "Volete il voto agli stranieri perchè siete a corto di candidati e elettori"

Il democentrista ribadisce il suo fermo no. "É giusto che in Ticino siano eletti e votino solo cittadini svizzeri. Per essere ritenuti tale bisogna sentirsi parte del nostro paese, rispettare i doveri della nostra comunità per conquistare i diritti"

di Tiziano Galeazzi*

La sinistra è alla ricerca di consensi e, come più volte in passato, nella disperazione, torna sul tema del diritto al voto degli stranieri e la possibilità per loro di essere eletti o poter votare.

I socialisti non hanno ancora compreso che questa idea vede contraria la maggioranza dei ticinesi. É inutile aggrapparsi a fragili motivazioni come quella dei "tempi che cambiano" e una pseudo-evoluzione della società. La sinistra, oramai a corto di candidati ed elettori, lo fa solo per attirare consensi. 

É giusto che in Ticino siano eletti e votino solo cittadini svizzeri. Per essere ritenuti tale bisogna sentirsi parte del nostro paese, rispettare i doveri della nostra comunità per poi conquistare i diritti. 

É sconvolgente il fatto di avere la possibilità da straniero con "permesso c" di poter votare ed farsi eleggere in Svizzera, nel Cantone o nei comuni per poi presentarsi alle elezioni nei paesi di origine per votare. O appartieni a un paese o all'altro.

Sono per il "no" assoluto al voto agli stranieri, a livello svizzero, cantonale e comunale. O diventi svizzero o lascia perdere. Sono sempre e resto contrario al doppio passaporto per coloro che vorrebbero far politica attiva.

*granconsigliere UDC, candidato al Municipio di Lugano

© 2020 , All rights reserved