Politica
09.07.2020 - 19:090

Il PS scrive al Consiglio di Stato: "Mascherine gratuite per la popolazione"

I socialisti ritengono che per molti procurarsi il dispositivo di protezione sia una spesa importante e chiedono misure urgenti al Governo a favore soprattutto di chi è in difficoltà e di viagga sui mezzi pubblici

BELLINZONA – Fornite di un numero adeguato di mascherine i beneficiari di assistenza, AI, AVS e altri aiuti e chi prende i mezzi pubblici in modo gratuito. Sono le due richieste che, in una lettera aperta, il Partito Socialista rivolge al Governo, dopo aver già chiesto in settimana la gratuità dei dispositivi di protezione (i Giovani Comunisti erano arrivati oltre, chiedendo che fosse lo stato stesso a produrle).

Dopo aver salutato “positivamente l’indicazione federale dell’uso obbligatorio sui mezzi pubblici e le chiare raccomandazioni, anche cantonali, ad utilizzarla il più possibile”, i socialisti rilevano come “la commercializzazione di questo importante strumento di prevenzione della salute è in questi mesi stata oggetto delle variazioni del libero mercato che ha influito, a volte in maniera vergognosa, sul prezzo. Sebbene i piani pandemici prevedano la disponibilità di almeno una scatola da cinquanta pezzi per ogni cittadino, ognuno deve provvedere individualmente ad acquistarla”.

“Di fatto, non tutti si sono muniti sistematicamente di mascherine e inoltre questa spesa può influire in maniera importante sul budget delle fasce di popolazione con difficoltà economiche”, sottolineano.

Dopo che anche la Conferenza svizzera delle istituzioni dell’azione sociale (CSIAS) ha recentemente raccomandato ai servizi cantonali di prevedere un sostegno forfettario per i beneficiari di aiuto sociale per l’acquisto di mascherine, il PS ritiene che “le persone in difficoltà finanziaria devono essere incentivate a proteggersi e a proteggere gli altri”.

Ecco dunque le misure mirate richieste:

“1. Attraverso le aziende di trasporto regionali finanziate dal Cantone, incentivare un servizio pubblico attrattivo mettendo a disposizione di tutti i passeggeri l’uso gratuito della mascherina chirurgica. Prevedere dei sistemi efficaci per indurre gli utenti a smaltire la stessa in maniera sicura e rispettosa dell’ambiente”.

2. Mettere a disposizione gratuitamente un numero congruo di mascherine igieniche ai beneficiari di assistenza, prestazioni complementari AVS e AI e ai beneficiari di sussidi di cassa malati. Queste misure sono a nostro avviso importanti e urgenti”.

© 2020 , All rights reserved