Politica
14.11.2020 - 14:030

"Si voti online o per corrispondenza anche per i Consigli comunali. O si escludono alcuni membri"

Il liberale Kneuschaurek, eletto a Muzzano, non ha partecipato a una seduta perchè, avendo una certa età, non si sentiva sicuro. Lancia la proposta: "Oggi gli esclusi sono anziani, deblitati, obesi, domani potrebbero essere altri: è democratico?"

MUZZANO - Le riunioni politiche, e di conseguenza anche Consigli Comunali e plenum del Gran Consiglio, sono permessi, figurano tra le eccezioni e possono accogliere sino a 300 persone, escludendo in ogni caso il pubblico. Ma cosa succede se vi sono membri anziani o se da un consesso parte un contagio? Se lo chiede su Opinione Liberale Corrado Kneschaurek, consigliere comunale e presidente del PLR di Muzzano, oltre che ex deputato ed ex presidente degli albergatori. Che propone di introdurre la tecnologia anche nelle riunioni dei Legislativi di Paese.

Avendo una certa età, dopo le raccomandazioni di Berset ha deciso di non partecipare a un plenum, come lui altri due membri: il quorum era comunque presente. Su proposta di un consigliere comunale, non si sono letti i rapporti, ci si è limitati a interventi brevi e si è votato, per una seduta da 50 minuti.

Kneuschaurek chiedeva di poter partecipare attraverso Zoom, gli è stato detto di no. E rilancia: "Perchè non si introduce anche per l'attività politica la possiblità di un voto per corrispondenza o una discussione online? Trovate democratico escludere alcune cerchie di persone elette dalle attività politiche? Non si rischia di creare un pericoloso precedente? Oggi sono gli anziani, i debilitati, gli obesi, domani potrebbero essere altri".

Il rischio che intravvede è che da un Consiglio comunale parta un contagio. "L'autorità non dovrebbe dare il buon esempio o si preferisce mettere a rischio gli esponenti politici anziani?".

Chiede che se la pandemia prosegue, che vi sia la possibilità di votare online. 

© 2020 , All rights reserved