Politica
18.01.2021 - 14:190

La lotta al Covid secondo il PC. "L'EOC avrebbe potuto requisire personale dalle cliniche private, coordinando il tutto meglio"

Ay e Ferrari, a sostegno della loro tesi, fanno notare delle lacune nella gestione della crisi a Moncucco ("È dovuto arriva il tycoon Mantegazza ma i dipendenti hanno visto solo una borraccia") e Santa Chiara ("Il personale ha lavorato da malato?")

BELLINZONA - La qualità delle cure nelle cliniche private è sempre stata al pari di quelle delle strutture EOC, per quanto concerne il Covid?, chiede il Partito Comunista. Che, in un'interrogazione sul diritto di requisizione, lancia accuse sia alla Santa Chiara che a Moncucco, chiedendosi addirittura se la prima sia adatta a far fronte ai compiti in materia di lotta al Coronavirus.

A non piacere sono state delle dichiarazioni "a dir poco fuori luogo della direttrice della clinica Santa Chiara Soldati. A suo dire la mancanza di pazienti covid si traduceva in una perdita economica per la sua struttura. Puntualmente la rettifica di una gestione problematica è arrivata a dicembre 2020 con l’esplosione dei contagi tra il personale curante", si legge nell'atto firmato da Lea Ferrari e Massimiliani Ay, che pongono il seguente quesito: "Alla luce della già menzionate dichiarazioni pubbliche della direttrice della clinica Santa Chiara in cui la salute pubblica era posta ad uno scalino inferiore rispetto ai profitti, il Consiglio di Stato ritiene
ancora che questa struttura sia nelle condizioni di esperire a pieno il compito pubblico affidatole nel contesto della pandemia?".

"Non di meno la clinica Moncucco che nelle prime settimane in cui la curva pandemica ha ricominciato a crescere si è trovata in totale affanno in termini di gestione del personale medico e infermieristico, di spazi e di attrezzature. A metterci una pezza è dovuto intervenire il tycoon Mantegazza con la donazione di un milione di franchi. Di questo generoso gesto i dipendenti hanno però visto solo ...una borraccia in premio, una ricompensa beffarda per il livello di stress subito in questi mesi da medici, infermieri e personale sanitario", proseguono.

Insomma, il modus operandi delle due cliniche private non convince, tanto che si dice che "alla luce di queste falle venutesi a creare preso le strutture sanitarie private nella gestione dell’urgenza da covid-19, la rivendicazione di far capo al diritto di requisizione da parte dell’ente pubblico non è peregrina". Dalle domande si capisce che cosa avrebbe desiderato il PC: "Sebbene la gestione di una crisi pandemica sia una sfida di enorme portata anche per il settore pubblico, non ritiene il Consiglio di Stato che facendo capo alla requisizione di personale e materiale sanitario dalle strutture private, l’EOC avrebbe potuto coordinare in maniera più
uniforme le risorse disponibili, senza disparità tra il personale curante, meglio ripartito su tutti i
punti critici del sistema attenuando così le situazioni di stress vissute alle cliniche Santa Chiara e
Moncucco sfociate poi in maldestri epiloghi?".

Elencando gli articoli di legge che permettono alle autorità pubbliche di  “requisire i mezzi ed i beni necessari; valgono per analogia le norme del diritto federale sulla requisizione”, aggiunge come "il Canton Neuchâtel si è dotato in ottobre di un ulteriore testo legislativo che permette la requisizione delle risorse necessarie presso il settore sanitario privato per far fronte alla pandemia da COVID-19". L'ideale sarebbe stato, per i due deputati, fare altrettanto anche in Ticino, dato che nella seconda ondata si è assistito a "una gestione particolarmente improntata al «meno stato». Non è con i se e con i ma che potremmo riportare in vita le 806 persone morte per coronavirus (datato al 5 gennaio 2021), però a posteriori possiamo cominciare un’ampia riflessione che dovrà servire a contenere i danni in futuro". Si capisce dunque che i comunisti avrebbero voluto che l'EOC impiegasse, requisendolo, anche il personale delle cliniche private per far fronte nell'ambito della sanità pubblica alla sfida Covid. 

Fra le domande, un'altra scomoda riguardante la Santa Chiara: "Corrisponde al vero che dopo l’esplosione di contagi alla clinica Santa Chiara, parte del personale contagiato era comunque attivo su indicazione della direzione?".

Vi sono poi un paio di quesiti relativi al diritto di requisizione e al perchè "non si è applicato il diritto di requisizione nei confronti della Santa Chiara e della Moncucco all’inizio della prima e della seconda ondata. In quali casi sono date le condizioni, che lo stato di necessità sia vigente e non, per applicare il diritto di requisizione?".

© 2021 , All rights reserved