SANDGREN T. (USA)
0
Federer R. (SUI)
1
2 set
(3-6 : 1-0)
VAN Canucks
2
STL Blues
1
3. tempo
(0-1 : 2-0 : 0-0)
SJ Sharks
2
ANA Ducks
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
SANDGREN T. (USA)
0 - 1
2 set
3-6
1-0
Federer R. (SUI)
3-6
1-0
ATP-S
AUSTRALIAN OPEN
Winner plays Raonic or Djokovic.
Ultimo aggiornamento: 28.01.2020 05:56
VAN Canucks
NHL
2 - 1
3. tempo
0-1
2-0
0-0
STL Blues
0-1
2-0
0-0
 
 
4'
0-1 SANFORD
1-1 MILLER
23'
 
 
2-1 MILLER
32'
 
 
SANFORD 0-1 4'
23' 1-1 MILLER
32' 2-1 MILLER
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 28.01.2020 05:56
SJ Sharks
NHL
2 - 1
2. tempo
2-0
0-1
ANA Ducks
2-0
0-1
1-0 NOESEN
2'
 
 
2-0 MARLEAU
5'
 
 
 
 
30'
2-1 KASE
2' 1-0 NOESEN
5' 2-0 MARLEAU
KASE 2-1 30'
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 28.01.2020 05:56
Svizzera
08.10.2019 - 14:340

Il primo esopianeta vale un Nobel per due svizzeri!

Il prestigioso premio è andato a un cosmologo canadese e ai due planetologi Michel Mayor e Didier Queloz, attivi presso l'Università di Ginevra

STOCCOLMA – Un Nobel per la Svizzera, o meglio per due svizzeri, che si sono aggiudicati l’ambito premio nell’ambito della fisica. Si tratta dei pianetologi Michel Mayor e Didier Queloz, che hanno vinto assieme al cosmologo canadese James Peebles. 

Il premio sarà diviso a metà. Per quanto concerne i due svizzeri, essi hanno scoperto il primo esopianeta in orbita attorno a una stella simile al Sole, che si chiama 51 Pegasi e rilancia l'eterna domanda sulla presenza di altre forme di vita nell'universo. Risale al 1995, da lì in poi si sono scoperti circa 4’00 esopianeti, ma "quella è stata la scoperta più entusiasmante della nostra carriera ed è straordinario che ora venga riconosciuta con un Nobel. Nessuno all'epoca se gli esopianeti esistessero davvero o no. Erano stati cercati per molti anni, ma sempre invano", hanno spiegato.

Come avevano fatto a vedere 51 Pegasi? Mediante n telescopio nemmeno troppo potente (con uno specchio di quasi due metri) all'Osservatorio dell'Alta Provenza. Mayor e Queloz hanno 53 e 77 anni e insegnano all'università di Ginevra.

Il Nobel, prestigioso per loro, è anche un riconoscimento per la Svizzera e la sua ricerca.

© 2020 , All rights reserved