Cronaca
17.09.2015 - 22:540
Aggiornamento : 21.06.2018 - 14:17

Lo scandalo del prete arrestato. Il Vescovo, «speriamo sia fatta chiarezza»

Atti sessuali con persone dipendenti, coazione sessuale, sfruttamento dello stato di bisogno, favoreggiamento e sviamento della Giustizia, nonché atti sessuali con fanciulli: queste le accuse contro un prete in pensione, ora in arresto

LUGANO - Le voci di uno fatto gravissimo che scuote la Chiesa ticinese erano iniziate a circolare nel pomeriggio, e in serata sono state confermate da un comunicato di Ministero pubblico e polizia: un prete in pensione è finito dietro le sbarre. Pesantissime le accuse. «Il Ministero Pubblico e la Polizia cantonale comunicano che la Procuratrice Pubblica Chiara Borelli ha aperto un procedimento penale nei confronti di un cittadino svizzero di 64 anni domiciliato nel Luganese. Si tratta di un sacerdote senza più incarichi diocesani e pastorali fissi. Nei suoi riguardi si ipotizzano diversi reati: atti sessuali con persone dipendenti, coazione sessuale, sfruttamento dello stato di bisogno, favoreggiamento e sviamento della Giustizia, nonché atti sessuali con fanciulli. L'uomo si trova da ieri in stato d'arresto, e sulla sua carcerazione preventiva dovrà ora esprimersi il Giudice per i provvedimenti coercitivi. Sull'inchiesta non saranno per ora fornite ulteriori informazioni», recita la nota, chiara e dura. Non si è fatta attendere la reazione della Curia, anch'essa attraverso una nota stampa. «Il Vescovo di Lugano ha appreso con dolore la notizia dell'arresto di un sacerdote per cui si ipotizza l'imputazione di reati gravi. Il Vescovo, in questa circostanza, desidera esprimere da subito la sua vicinanza alle vittime e a tutte le persone coinvolte, manifestando il suo profondo rincrescimento», si legge. C'è poi l'augurio che i fatti vengano alla luce, e viene assicurata piena collaborazione
Potrebbe interessarti anche
Tags
stato
prete
atti sessuali
vescovo
atti
arresto
© 2019 , All rights reserved