Wolverhampton
4
Espanyol
0
fine
(1-0)
Bayer Leverkusen
2
FC Porto
1
fine
(1-0)
Apoel
0
Basilea
3
fine
(0-1)
Olympiakos Piraeus
0
Arsenal
1
fine
(0-0)
Az Alkmaar
1
Lask Linz
1
fine
(0-1)
Vfl Wolfsburg
2
Malmo Ff
1
fine
(0-0)
Roma
1
Gent
0
fine
(1-0)
Rangers
3
SC Braga
2
fine
(0-1)
Wolverhampton
EUROPA LEAGUE
4 - 0
fine
1-0
Espanyol
1-0
1-0 JOTA DIOGO
15'
 
 
 
 
43'
ITURRASPE ANDER
MOUTINHO JOAO
44'
 
 
2-0 NEVES RUBEN
52'
 
 
3-0 JOTA DIOGO
67'
 
 
 
 
67'
GOMEZ VICTOR
 
 
78'
SANCHEZ VICTOR
4-0 JOTA DIOGO
81'
 
 
15' 1-0 JOTA DIOGO
ITURRASPE ANDER 43'
44' MOUTINHO JOAO
52' 2-0 NEVES RUBEN
67' 3-0 JOTA DIOGO
GOMEZ VICTOR 67'
SANCHEZ VICTOR 78'
81' 4-0 JOTA DIOGO
First leg.
Venue: Molineux.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 32,050.
Referee: Tobias Stieler (GER).
Assistant referees: Mike Pickel (GER), Christian Gittelmann (GER).
Fourth official: Soren Storks (GER).
Video Assistant Referee: Bastian Dankert (GER).
Assistant Video Assistant Referee: Marco Fritz (GER).
Return leg, 27 February 2020.
Ultimo aggiornamento: 20.02.2020 23:31
Bayer Leverkusen
EUROPA LEAGUE
2 - 1
fine
1-0
FC Porto
1-0
 
 
26'
CORONA JESUS
1-0 ALARIO LUCAS
29'
 
 
 
 
54'
MANAFA WILSON
2-0 HAVERTZ KAI
57'
 
 
 
 
58'
URIBE MATEUS
DEMIRBAY KEREM
66'
 
 
 
 
73'
2-1 DIAZ LUIS
 
 
90'
MARCANO IVAN
CORONA JESUS 26'
29' 1-0 ALARIO LUCAS
MANAFA WILSON 54'
57' 2-0 HAVERTZ KAI
URIBE MATEUS 58'
66' DEMIRBAY KEREM
DIAZ LUIS 2-1 73'
MARCANO IVAN 90'
First leg.
Venue: Borussia Park.
Turf: Natural.
Capacity: 59,724.
Referee: Slavko Vincic (SVN).
Assistant referees: Tomaz Klancnik (SVN), Andraz Kovacic (SVN).
Fourth official: Rade Obrenovic (SVN).
Video Assistant Referee: Pol van Boekel (NED).
Assistant Video Assistant Referee: Jure Praprotnik (SVN).
Second leg: Porto, 27 February 2020.
Ultimo aggiornamento: 20.02.2020 23:31
Apoel
EUROPA LEAGUE
0 - 3
fine
0-1
Basilea
0-1
 
 
16'
0-1 PETRETTA RAOUL
PAVLOVIC ANDRIJA
28'
 
 
 
 
53'
0-2 STOCKER VALENTIN
 
 
62'
ALDERETE OMAR
 
 
66'
0-3 CABRAL ARTHUR
MATIC UROS
73'
 
 
 
 
73'
STOCKER VALENTIN
JENSEN MIKE
83'
 
 
PETRETTA RAOUL 0-1 16'
28' PAVLOVIC ANDRIJA
STOCKER VALENTIN 0-2 53'
ALDERETE OMAR 62'
CABRAL ARTHUR 0-3 66'
73' MATIC UROS
STOCKER VALENTIN 73'
83' JENSEN MIKE
First leg.
Venue: GSP Stadium, Nicosia.
Turf: Natural.
Capacity: 22,859.
Referee: Orel Grinfeld (ISR).
Assistant referees: Roy Hassan (ISR), Idan Yarkoni (ISR).
Fourth official: Eitan Shmuelevitz (ISR).
Video Assistant Referee: Joao Pinheiro (POR).
Assistant Video Assistant Referee: Roi Reinshreiber (ISR).
Second leg: Basel, 27 February 2020.
Ultimo aggiornamento: 20.02.2020 23:31
Olympiakos Piraeus
EUROPA LEAGUE
0 - 1
fine
0-0
Arsenal
0-0
EL-ARABI YOUSSEF
19'
 
 
SEMEDO RUBEN
26'
 
 
BOUCHALAKIS ANDREAS
50'
 
 
 
 
71'
MUSTAFI SHKODRAN
 
 
81'
0-1 LACAZETTE ALEXANDRE
 
 
83'
XHAKA GRANIT
BA OUSSEYNOU
90'
 
 
19' EL-ARABI YOUSSEF
26' SEMEDO RUBEN
50' BOUCHALAKIS ANDREAS
MUSTAFI SHKODRAN 71'
LACAZETTE ALEXANDRE 0-1 81'
XHAKA GRANIT 83'
90' BA OUSSEYNOU
First leg.
Venue: Georgios Karaiskakis Stadium.
Turf: Natural.
Capacity: 33,310.
Referee: Felix Zwayer (GER).
Assistant referees: Thorsten Schiffner (GER), Marco Achmuller (GER).
Fourth official: Harm Osmers (GER).
Video Assistant Referee: Sascha Stegemann (GER).
Assistant Video Assistant Referee: Jan Seidel (GER).
Second leg: London, 27 February 2020.
Ultimo aggiornamento: 20.02.2020 23:31
Az Alkmaar
EUROPA LEAGUE
1 - 1
fine
0-1
Lask Linz
0-1
 
 
26'
0-1 RAGUZ MARKO
 
 
29'
RENNER RENE
STENGS CALVIN
31'
 
 
BOADU MYRON
34'
 
 
 
 
42'
FILIPOVIC PETAR
DE WIT DANI
71'
 
 
1-1 KOOPMEINERS TEUN
86'
 
 
 
 
86'
HOLLAND JAMES
RAGUZ MARKO 0-1 26'
RENNER RENE 29'
31' STENGS CALVIN
34' BOADU MYRON
FILIPOVIC PETAR 42'
71' DE WIT DANI
86' 1-1 KOOPMEINERS TEUN
HOLLAND JAMES 86'
First leg.
Venue: AFAS Stadion.
Turf: Natural.
Capacity: 17,023.
Ultimo aggiornamento: 20.02.2020 23:31
Vfl Wolfsburg
EUROPA LEAGUE
2 - 1
fine
0-0
Malmo Ff
0-0
 
 
41'
SAFARI BEHRANG
GERHARDT YANNICK
43'
 
 
MBABU KEVIN
46'
 
 
 
 
47'
0-1 KIESE THELIN ISAAC
1-1 BREKALO JOSIP
49'
 
 
 
 
62'
1-2 KIESE THELIN ISAAC
 
 
71'
NALIC ADI
SAFARI BEHRANG 41'
43' GERHARDT YANNICK
46' MBABU KEVIN
KIESE THELIN ISAAC 0-1 47'
49' 1-1 BREKALO JOSIP
KIESE THELIN ISAAC 1-2 62'
NALIC ADI 71'
First leg.
Venue: Volkswagen Arena.
Turf: Natural (hybrid grass).
Capacity: 30,000.
Referee: Gediminas Mazeika (LTU).
Assistant referees: Vytautas Simkus (LTU), Vytenis Kazlauskas (LTU).
Fourth official: Donatas Rumsas (LTU).
Video Assistant Referee: Pawel Gil (POL).
Assistant Video Assistant Referee: Andris Treimanis (LVA).
Return leg, 27 February 2020.
Ultimo aggiornamento: 20.02.2020 23:31
Roma
EUROPA LEAGUE
1 - 0
fine
1-0
Gent
1-0
1-0 PEREZ CARLES
13'
 
 
 
 
35'
BEZUS ROMAN
SMALLING CHRIS
65'
 
 
13' 1-0 PEREZ CARLES
BEZUS ROMAN 35'
65' SMALLING CHRIS
First leg.
Venue: Stadio Olimpico.
Turf: Natural.
Capacity: 72,698.
Referee: Georgi Kabakov (BUL).
Assistant referees: Martin Margaritov (BUL), Diyan Valkov (BUL).
Fourth official: Ivaylo Stoyanov (BUL).
Video Assistant Referee: Jochem Kamphuis (NED).
Assistant Video Assistant Referee: Bas Nijhuis (NED).
Return leg: Ghent, 27 February 2020.
Venue: Ibrox Stadium.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 50,817.
Ultimo aggiornamento: 20.02.2020 23:31
Rangers
EUROPA LEAGUE
3 - 2
fine
0-1
SC Braga
0-1
 
 
11'
0-1 FRANSERGIO BARBOSA
MORELOS ALFREDO
41'
 
 
ARIBO JOE
58'
 
 
 
 
59'
0-2 RUIZ ABEL
1-2 HAGI IANIS
67'
 
 
 
 
69'
GALENO WENDERSON
2-2 ARIBO JOE
75'
 
 
3-2 HAGI IANIS
82'
 
 
FRANSERGIO BARBOSA 0-1 11'
41' MORELOS ALFREDO
58' ARIBO JOE
RUIZ ABEL 0-2 59'
67' 1-2 HAGI IANIS
GALENO WENDERSON 69'
75' 2-2 ARIBO JOE
82' 3-2 HAGI IANIS
First leg.
Ultimo aggiornamento: 20.02.2020 23:31
Cronaca
19.01.2016 - 17:480
Aggiornamento : 21.06.2018 - 14:17

Parla Harry Herber, il primo candidato di Lugano: «ho un sogno e proverò a realizzarlo così»

Tra politica («entrare nella Lega, un grande errore») e voglia di ritorno al passato, il candidato di "Non5Ma500" racconta i suoi progetti, «non voglio né poltrone né gloria»

LUGANO - È l'uomo del giorno a Lugano. Harry Herber, giardiniere, classe 1943, è il primo ad aver presentato la propria lista per le comunali a Lugano, un movimento neonato e chiamato "Non5Ma500". Osteggiato da Bertoli, Giudici e Borradori, con grande entusiasmo ci parla di quello che definisce un sogno. «Il progetto e lo scopo li ho in mente da molti anni. Il lampo è stata un'intervista di Bertoli della scorsa estate in cui diceva che in Ticino ci vorrebbero cinque Comuni. Mi è salita l'adrenalina! Raccolti i proponenti, la lista è stata consegnata, il 13 gennaio alle ore 10.30. Sono in pole position!». Come mai è così contrario alle aggregazioni da farne un cavallo di battaglia? «Per principio sono contrario, perché il paese perde l'identità. Poi è un fattore storico: ogni Comune ha la sua storia, fin dal Medioevo, quando si chiamavano Vicinati con una notevole autorità, sia ai tempi dei Visconti e degli Sforza sia quando vi erano i 12 cantoni. Nel 1972 ho vissuto sulla mia pelle la prima fusione a Castagnola, che era uno dei Comuni più fiorenti e meglio organizzati. Pensi che c'era tutto, dalla polizia alle scuole, dalla squadra giardinieri all'asilo. E per una questione politica Lugano, che era il pezzettino vicino al lago sino allo stadio, aveva una maggioranza liberale che stava perdendo consensi, si è rivolto a Castagnola, dove c'erano diversi municipali liberali. Non c'era informazione, non c'erano dibattiti, si votò dicendo che il moltiplicatore sarebbe salito. Dopo trent'anni, Lugano ha cominciato a sedurre altri Comuni, offrendo il paradiso terrestre. Ci sono però malcontenti, lo vedo facendo il giardiniere, si dice "una volta si stava meglio"». E per questo ha scelto di creare "Non5Ma500"... . «Cercherò di chiedere a chi è stato contrario alle fusioni negli ultimi 15 anni di votarmi, non offro il paradiso ma almeno il purgatorio, con qualche speranza che in un domani, non so se a medio o a lungo termine, si potrebbe tornare indietro. Ovviamente, ci vorrebbero i dovuti paletti, delle condizioni. Facciamo un esempio: Viganello vuol tornare un Comune unico. Chi abita nel comprensorio deve raccogliere delle firme. Se ne vengono raccolte il 60%, il Municipio di Lugano deve organizzare una votazione, e votano solo a Viganello. Prima del voto, però, i cittadini di Viganello dovranno pagare una cauzione e presentare cinque possibili municipali. Per i consiglieri comunali, si potrebbe anche fare un'assemblea popolare». Servirebbe, però, una legge per poter fare tutto ciò. Come pensa di muoversi? «Se riuscissi a essere eletto in Consiglio comunale, avrei quattro anni per cercare la collaborazione degli altri partiti. Nessuno è toccato nella sua anima, non la socialità dei socialisti, non i progetti della Lega, non il meno Stato dei liberali: è qualcosa di democratico, va bene per tutti. Penso di poter trovare alleati ovunque, non tolgo i loro voti. Anzi il Municipio farebbe una gran bella figura, mostrando di essere aperto alla popolazione e di non volersi tenere solo la poltrona. Se la cosa nascesse bene a Lugano, ci sarebbe la possibilità di arrivare al Consiglio di Stato e al Parlamento, e sarebbe più semplice ottenere una raccolta firme». Un progetto ambizioso. Lei, signor Herber, non è nuovo in politica: ha fatto parte di Lega e liberali. «Quello della Lega è stato uno dei miei grandi errori. Ero municipale a Carabbia, abbastanza popolare. Non avevo idea di che cosa fosse il movimento, ma in pochi mesi ho visto cose che mi hanno fatto passare la voglia di far politica. C'erano prese di posizioni, attacchi interni, tutti volevano parlare male di altri, dopo pochi mesi ho dato le dimissioni. Un altro errore, per inesperienza, l'ho commesso accettando il ballottaggio per divenire sindaco a Pazzallo nel 1980. I liberali volevano togliere la poltrona ai socialisti, ci fu una partecipazione di più del 90%: persi ma senza sfigurare, in un clima incandescente. Lì qualcosa si è guastato». E dopo quelli che definisce due grandi errori, questa sarà la volta buona? «Magari sarà il terzo errore... . Io semino, è il mio lavoro: non voglio la gloria. Se penseranno che sono un utopista, almeno avrò tentato. Mi sono sempre detto che quando si ha un sogno si deve cercare di realizzarlo. Qui non chiedo l'impossibile, non è illecito e non voglio la poltrona, è un'idea che ho nel cuore. Nella mia vita ho sempre dato retta al cuore».
Potrebbe interessarti anche
© 2020 , All rights reserved