Cronaca
30.11.2018 - 11:350
Aggiornamento : 02.12.2018 - 21:39

"Amo la Svizzera, non penso quello che ho detto. Vorrei sotterrarmi, chiedo umilmente scusa"

La frontaliera protagonista del video che sta indignando il web fa marcia indietro tramite Instagram. "Non ho chiuso occhio. Mi sono fatta prendere dalla rabbia ma la multa è colpa mia"

LUGANO - Il suo sfogo, con insulti pesanti verso gli svizzeri e in particolare i poliziotti, ha fatto il giro del web. È stata sommersa da critiche e nuovi insulti.

Dopo poche ore, la frontaliera protagonista del video in cui si arrabbia per aver preso una multa da 120 franchi per aver parcheggiato dove non doveva, fa marcia indietro e tramite Instagram (il suo profilo è ora chiuso, sommersa com’è stata da commenti e messaggi di gente che le augurava di perdere il lavoro, cosa che la donna, stando a nostra fonti, teme) si scusa.

"Amo la Svizzera, mi sento in debito per avermi dato un lavoro che amo. Mi vergogno delle mie parole. Stanotte non ho chiuso occhio tanto è il senso di colpa che provo. Sono mortificata e non so come rimediare a un gesto del genere", ha scritto.

"Mi sono fatta prendere dalla rabbia dopo aver visto la multa. Non riuscivo ad ammettere che la responsabilità era solo mia. Non ho mai pensato quelle parole. Vorrei sotterrarmi, ma chiedo umilmente scusa a tutte le persone che si sono sentite offese dalle mie parole", termina.
Ma per molti la rabbia non scema, visti i commenti sui social.

7 mesi fa "Questi svizzeri di m---a", la rabbia di una frontaliera contro i poliziotti, "ignoranti e razzisti"
Tags
scusa
rabbia
chiedo umilmente scusa
multa
vorrei sotterrarmi
parole
umilmente scusa
chiedo umilmente
svizzera
© 2019 , All rights reserved