Cronaca
08.06.2019 - 17:450

Aldo Merlini racconta l'estate locarnese. Tanta musica, sognando il ritorno della Festa dei fiori: "Obiettivo 2021"

Il presidente dell’Organizzazione turistica di Locarno e Valli parla dell’estate locarnese. Lo fa in una video-intervista pubblicata sulla pagina Facebook “X Locarno”

LOCARNO - Dall’estate in musica alla meteo-dipendenza, dal giudizio su alberghi e ristoranti al progetto Festa dei fiori… Aldo Merlini, presidente dell’Organizzazione turistica di Locarno e Valli parla dell’estate locarnese. Lo fa in una video-intervista pubblicata sulla pagina Facebook “X Locarno”.

 

Al di là del cinema, la musica, dice, “sta diventando un vettore sempre più importante per il Locarnese. Abbiamo Jazz Ascona, i concerti di Moon & Stars a Locarno, il Magic Blues in Vallemaggia, che quest’anno ha tre serate in cui si rievoca Woodstock…. E questo week end c’è l’Open I Like, che sta crescendo di importanza e si svolge nella zona del Lido”.

 

Sulla Festa dei fiori spiega: “Stiamo lavorando per riportare questo evento nella regione, creando una sorta di mese dei fiori, partendo dalla consolidata feste delle camelie. Sono convinto che porterebbe molti turisti, come accadeva negli anni Ottanta. Ma è un’idea per il 2021”.

 

Poi Merlini giudica il livello di ristoranti e alberghi: “Abbiamo tantissimi ristoranti dove si mangia molto bene e a prezzi onesti – dice -, e sul fronte alberghiero abbiamo la fortuna di avere hotel di alta qualità che vengono premiati ogni anno tra i migliori alberghi della Svizzera. Quest’anno una decina hanno ottenuto riconoscimenti, dai tre ai cinque stelle”.

 

Due parole inevitabili, infine, sul meteo, che “purtroppo conta sempre molto, la stagione quest’anno è iniziata molto bene grazie a un tempo sostanzialmente buono, migliore rispetto allo scorso anno, quando a livello di pernottamenti abbiamo subito un calo rispetto al 2017. Ma penso che alla fine per tutte le località turistiche il meteo sia la cosa principale”.

© 2019 , All rights reserved