Cronaca
06.07.2020 - 15:220

Post lockdown, aumentano le persone depresse, diminuiscono quelle ansiose

Durante il periodo con importanti restrizioni, il 505 degli intervistati dall'Università di Berna si sentiva più stressato, adesso ad avvertire più stress rispetto a prima della pandemia sono il 40% degli interpellati: ancora un numero alto!

BERNA – Durante il lockdown sono stati osservati sintomi di ansia e stress in molte persone. Il dover rimanere in casa, spesso a contatto con i familiari in spazi piccoli (meno in Svizzera, dove non vi era il divieto di uscire), il rallentamento del lavoro, oppure un nuovo modo di viverlo, le paure per il futuro e per il virus, avevano fatto la loro parte.

Si diceva che anche una volta tolte le restrizioni, per qualcuno non sarebbe stato facile uscire da quella che era divenuta una comfort zone per tornare alla vita normale.

E ora? Secondo uno studio dell’Università di Basilea, se durante il lockdown si sentiva maggiormente stressato il 50% dei partecipanti a un sondaggio, adesso lo è il 40%. Per cui, poco meno. Non tutti comunque hanno vissuto male il periodo di chiusura, il 24% degli intervistati non ha patito maggiore stress, ora è addirittura il 32%.

Purtroppo è cresciuto il numero di persone confrontate col male oscuro della depressione. Si parlava del 9% durante il lockdown, ora siamo passati al 12%.

Scende invece l’ansia. Chi ne ha sofferto durante i mesi di restrizione era il 57%, adesso il 41% dichiara di avvertirne ancora.

Lo studio osserva come siano gli anziani, che sarebbero comunque le persone più esposte al rischio di avere decorsi gravi del virus, abbiano avuto meno sintomi di stress, ansia e depressione, in particolare gli uomini.

© 2020 , All rights reserved