Cronaca
20.11.2020 - 10:550

Più spari e due fucili posati a terra. Il terrore in via Beltramina

Non s sa cosa abbia spinto un 50enne inquilino della palazzina a esplodere più colpi all'interno e all'esterno del palazzo. Un altro inquilino parla di molta Polizia presente, compresa la Scientifica

LUGANO - Due fucili, non uno solo. Erano posati a terra all'entrata della palazzina di via Beltramina a Lugano, teatro degli spari e dell'arresto di un inquilino, accusato ora di esposizione a pericolo della vita altrui e infrazione alla Legge federale sulle armi.

A parlare, a tio.ch, è un altro inquilino. Chi vive nel caseggiato non sa molto, nessuno si sbottona sulle motivazione che possono aver spinto il 50enne a esplodere più colpi, all'interno e all'esterno della palazzina. Sono stati comunque diversi gli spari. 

Molta la Polizia presente, è arrivata anche la scientifica, mentre gli inquilini per un po' non potevano uscire di casa. 

© 2020 , All rights reserved