Zugo
Langnau
19:45
 
Bienne
Ambrì
19:45
 
Lugano
Lakers
19:45
 
La Chaux de Fonds
Kloten
19:45
 
Visp
Zugo Academy
19:45
 
Zugo
LNA
0 - 0
19:45
Langnau
Ultimo aggiornamento: 21.01.2020 18:50
Bienne
LNA
0 - 0
19:45
Ambrì
Ultimo aggiornamento: 21.01.2020 18:50
Lugano
LNA
0 - 0
19:45
Lakers
Ultimo aggiornamento: 21.01.2020 18:50
La Chaux de Fonds
LNB
0 - 0
19:45
Kloten
Ultimo aggiornamento: 21.01.2020 18:50
Visp
LNB
0 - 0
19:45
Zugo Academy
Ultimo aggiornamento: 21.01.2020 18:50
Economia
17.09.2019 - 15:250
Aggiornamento : 22:42

"Annuncio per frontalieri? Non è discriminazione, vi spieghiamo tutto"

Parla il senior dell'azienda di Balerna finita nell'occhio del ciclone per l'annuncio di questa mattina. "Ci serve una persona che visiti i nostri clienti in Italia. Non pensavamo di scatenare polemiche"

BALERNA – L’Atlas di Balerna è finita nell’occhio del ciclone per l’annuncio in cui cerca un lavoratore possibilmente frontaliere. Ma non si aspettava sicuramente che della sua ricerca di personale si occupassero media e politici: quando telefoniamo in sede, incontriamo stupore.

Il senior della piccola azienda Gianfranco Maciocci ci spiega: “La persona che vorremmo assumere deve girare in Italia presso i nostri clienti, sarebbe meglio se avesse una patente da radio-amatore, parliamo di un profilo, con caratteristiche tecniche-informatiche ben determinato. Forse avremmo dovuto precisare l’area operativa nell’annuncio, ma, mi creda, non c’è nessun atteggiamento di discriminazione, anzi!”

“Se è stato inteso in quel modo ce ne dispiace. Non abbiamo queste mire. Abbiamo fatto un annuncio simile per la zona di Basilea, cercando qualcuno in Germania, che appunto giri in Germania”.

Gli chiediamo quante persone lavorano all’Atlas. “Due svizzeri, due col permesso C e due frontalieri”, ci dice. “Se avessimo cercato qualcuno che parla tedesco non avremmo cercato in Italia, dato che è una caratteristica rara, la lingua è difficile per loro. Abbiamo pubblicato altre inserzioni e trovato dei residenti con le caratteristiche che ci servivano”.

Cosa risponde, però, a chi li attacca? “La zona operativa è più congeniale per chi vive già in Italia. Il fatto di doverla considerare una polemica mi sembra fuori luogo, perché chi se la prende con noi non sa qual è il profilo ideale per noi. dura criticare se non si sa cosa si sta facendo”.

Potrebbe interessarti anche
© 2020 , All rights reserved