ULTIME NOTIZIE Attualità
Economia
26.02.2021 - 12:060
Aggiornamento : 04.03.2021 - 11:12

Dramma Ticino, persi 10mila posti nel 2020. Ma i frontalieri aumentano e superano i 70mila

Il nostro Cantone è quello con maggior perdita di posti di lavoro (in tutta la Svizzera sono 23mila), però i lavoratori di oltre confine aumentano. Gli svizzero sono solamente il 47,9% di tutti gli occupati in Ticino

BELLINZONA - L’Ufficio federale di statistica (UST) ha diramato quest'oggi (vedi correlati) una serie di dati relativi all'occupazione nel quarto trimestre in Svizzera. Riassumendo, nel quarto trimestre 2020 l’occupazione complessiva (numero di posti) è calata dello 0,4% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente (+0,1% rispetto al trimestre precedente). L’occupazione femminile ha segnato una flessione dello 0,6%, mentre quella maschile dello 0,3%. Nello stesso periodo, anche le cifre occupazionali convertite in equivalenti a tempo pieno sono diminuite dello 0,4%. Sulla piazza economica svizzera sono stati contati 12'600 posti liberi in meno rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente (–16,1%), e l’indicatore delle prospettive d’impiego tende al ribasso (–2,4%).

In Ticino la contrazione è addirittura del 4,4%, il che significa una perdita di ben 10 mila posti di lavoro. Se si pensa che in tutta la Svizzera se ne sono persi 23mila, è facile vedere il rapporto: quasi un 50% di tutti gli impieghi perduti col Covid sono nel nostro Cantone, quello che subito di più in quel senso la crisi.

Ma un dato che segna una crescita c'è: quello dei frontalieri. Nel quarto trimestre del 2020 hanno toccato in Ticino quota 70'115. Settore per settore, sono occupati per lo più nel commercio (10'972), nella attività professionali scientifiche e tecniche (7'824), nell’attività amministrative e di servizi di supporto (6'632) e nella sanità e assistenza sociale (4'349), oltre che nel manifatturiero (16'124) e nelle costruzioni (7'759).

I lavoratori stranieri, in Ticino, superano quelli di nazionalità svizzera. Gli svizzeri sono infatti "solo" il 47,9% degli occupati. 

© 2021 , All rights reserved