Media
07.10.2020 - 16:300

Canetta amaro: "Su spese, manutenzione e amministrazione ormai c'è poco da grattare..."

Il direttore della RSI sulle misure di risparmio da attuare: "Bisogna mettere sotto osservazione l'offerta. Qualsiasi programma si toccherà, ci sarà qualcuno scontento"

COMANO – Questa volta, la RSI per risparmiare dovrà per forza andare a toccare l’offerta e forse anche i posti di lavoro: non è detto, infatti, che la soppressione di 34 posti di lavoro si possa fare solo tramite prepensionamenti e pensionamenti, è già stato chiarito ieri in un comunicato.

E Maurizio Canetta, al Corriere del Ticino, rafforza il concetto:  “Nei precedenti piani di risparmio abbiamo agito molto sulle spese, sulla manutenzione e sull’amministrazione. In questi settori c’è quindi poco da grattare, se mi passate l’espressione. Per questo ora bisogna mettere sotto osservazione l’offerta”.

Una scelta difficile che, comunque verrà attuata, non accontenterà tutti, e Canetta lo sa. “Adesso che siamo costretti a scegliere cosa fare alcuni potrebbero essere scontenti, sì. Noi dobbiamo concentrarci sulla nostra missione base, il servizio pubblico. È ovvio che ogni rinuncia a un programma suscita del malcontento in alcune cerchie della popolazione. Si tratta però di riuscire ad offrire ciò che dobbiamo fare: informazione, cultura, sport, intrattenimento”.

© 2020 , All rights reserved