Foto di repertorio
Sanità
03.04.2019 - 17:570

Una dozzina di malattie rare e 960 franchi al mese... "Mi manca la vera vita, Dio prendimi con te per non farmi più soffrire"

Drammatica la storia di una 52enne, che dal 2014 è afflitta da malattie croniche e incurabili come neuropatia e fibromialgia. "Mi concedono solo il 58% di invalidità, non possono valutare la mia situazione perchè il quadro peggiora sempre"

AIROLO - Sindrome di Raynaud, artrite reumatoide, sindrome di Sjorgren, tiroidite di Hashimoto, epatopatie autoimmuni, colon irritabile, vescica ipocontrattile, forte fotopatia e vista in peggioramento, insofferenza agli occhi anche con luce riflessa, insufficienza renale cronica, fibromialgia, tendomiopatia della muscolatura masticatoria, depressione cronica. Ed ora il fegato ingrossato di 19 centimetri e sangue nell’urina. Da anni, la vita di una 52enne è questa: dolore, visite mediche, ancora dolore, vari medici, dolore.

Un inferno, insomma. La fibromialgia e neuropatia significano dolori ovunque, forti, costanti, incurabili, solo parzialmente alleviabili (addirittura parlano di inserirle degli elettrodi). E stanchezza cronica, tanto che anche prima che cominciasse a stare realmente male, la donna poteva lavorare solo a tempo parziale. Eppure lì racconta che “stavo da Dio”.

La sua vicenda è stata riportata ieri da tio.ch, il profilo Facebook di Lorena T. è un susseguirsi di cartelle cliniche, disperazione e rabbia. “Mi viene riconosciuto solo il 58% di invalidità, il che le dà diritto a 960 franchi mensili di AI. Col 60% sarebbero di più, ma essendo la cartella clinica in evoluzione, le viene detto che non può aggiornare la pratica.

Dal suo profilo Facebook ha rivolto un’infuocata missiva a Beltraminelli:

“Egregio signor Beltraminelli,

Dato che sembra sia lei a capo della sanità, Le consiglio vivamente di mettere non solo ordine gli uffici ma di dare una bella lavata al sistema e assumere gente competente e gentile! Perché oltre ad essere ammalati ti trattano pure come una poveraccia....non é bello mi creda!

Io ho lavorato tutta la vita e mi sono sempre mantenuta e non ho mai avuto un precetto!
Ora che ho bisogno di aiuto non lo ricevo... Trovano quelli che hanno abusato di assistenza e AI e questo è una buona cosa ovviamente! A parte il fatto che tanta gente la percepisce per un operazione o 2 alla schiena e tante persone imbrogliano!

Ma io dico, e chi ha bisogno davvero quanto tempo, rabbia, frustrazione, problemi di soldi, di famiglia, di figli deve affrontare? 

Io sto male dal 2013, ho smesso di lavorare nel giugno 2014. Sono serviti 3 anni di test, biopsie ed esami vari per trovare la maggior parte delle mie malattie (con 3 figli a carico da sola ). L’AI ci ha messo 8 mesi per leggere le mie cartelle mediche! Le sembra normale?

Io sono patrocinata dal UCM, Ufficio di sanità pubblica. Eppure la palla gira e rigira. Arriva il 50 di AI dopo 4 anni! 960 luridi fr al mese! Sarebbe un 50%? Ma come cavolo lo calcolano????
UCM ha contestato , è giá la terza volta , e ora si sta aspettando l’udienza in Tribunale Cantonale per questo....da più di 8 mesi!!!!

L’assistenza ha smesso di versare perché arriva la complementare!!!! Cosi intanto ricevo solo 960 fr! Io sto male, con qualsiasi scarpa, pantofola o piedi nudi,per me camminare 300 m è già troppo, ho forti dolori ai piedi, alle mani, ai gomiti,ai polsi,alle ginocchia, alle,caviglie, alla schiena, alle spalle e alla testa e al viso. Non tollero la luce il sole, metto delle creme su occhi, viso e tutte le articolazioni in continuazione e prendo una marea di farmaci... a breve si vedrà le Risonanze Magnetiche che ho fatto.

Comunque resta il fatto che ho svariate malattie rare e non ci sono cure! E oltre a questo mio vivere di m---a non ricevo l’assistenza e gli aiuti a cui avrei diritto. Io sono svizzera patriota. Faccia qualcosa, per favore, la prego! Stanno lavorando, mi scusi il termine, col c—o a Bellinzona.

Tra l’altro devo cercare un appartamento, ma mi dice chi mi dà un appartamento se mi arrivano 960 luridissimi fr ?????? Me lo trova lei????”.

Non ha ricevuto risposta. E addirittura a volte arriva a scrivere: “Mi manca la vera vita....la gioia di essere al mondo....stare bene ....Dio prendimi con te non farmi più soffrire per favore”, parlando anche delle conseguenze sulla salute psico-fisica dei suoi familiari, oltre che di chi non le ha mai creduto.

Non solo in Ticino non sanno cosa fare, le sue malattie sono croniche e incurabili. “Sono stata a Berna e non sanno che pesci pigliare. E se accolgono immediatamente il mio corpo da morta per la scienza....deve essere molto importante scientificamente e molto complessa la mia situazione. Almeno... così mi dicono spesso i medici con cui mi trovo a confronto....purtroppo”. E posta una lettera dove le viene chiesto di donare il corpo all’Università di Zurigo, come studio, essendo così rara una combinazione simile di patologie.

Tags
malattie
dio
vera vita
dolore
fibromialgia
malattie rare
franchi
assistenza
dio prendimi
mese
© 2019 , All rights reserved