TOR Leafs
1
NY Rangers
2
fine
(0-0 : 0-0 : 1-1 : 0-1)
MON Canadiens
7
BUF Sabres
4
fine
(0-1 : 4-2 : 3-1)
STL Blues
4
TB Lightning
3
fine
(3-0 : 1-2 : 0-1)
DAL Stars
2
PIT Penguins
3
fine
(0-1 : 2-1 : 0-1)
VAN Canucks
0
CAL Flames
1
pausa
(0-1)
VEGAS Knights
0
DET Wings
1
pausa
(0-1)
LA Kings
0
ANA Ducks
1
1. tempo
(0-1)
TOR Leafs
NHL
1 - 2
fine
0-0
0-0
1-1
0-1
NY Rangers
0-0
0-0
1-1
0-1
 
 
41'
0-1 BUCHNEVICH
1-1 HYMAN
49'
 
 
 
 
62'
1-2 STROME
BUCHNEVICH 0-1 41'
49' 1-1 HYMAN
STROME 1-2 62'
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 24.03.2019 03:46
MON Canadiens
NHL
7 - 4
fine
0-1
4-2
3-1
BUF Sabres
0-1
4-2
3-1
 
 
13'
0-1 REINHART
1-1 LEHKONEN
26'
 
 
2-1 GALLAGHER
30'
 
 
3-1 SHAW
34'
 
 
 
 
35'
3-2 NYLANDER
 
 
37'
3-3 SCANDELLA
4-3 BYRON
39'
 
 
5-3 GALLAGHER
49'
 
 
 
 
54'
5-4 EICHEL
6-4 DOMI
56'
 
 
7-4 TATAR
58'
 
 
REINHART 0-1 13'
26' 1-1 LEHKONEN
30' 2-1 GALLAGHER
34' 3-1 SHAW
NYLANDER 3-2 35'
SCANDELLA 3-3 37'
39' 4-3 BYRON
49' 5-3 GALLAGHER
EICHEL 5-4 54'
56' 6-4 DOMI
58' 7-4 TATAR
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 24.03.2019 03:46
STL Blues
NHL
4 - 3
fine
3-0
1-2
0-1
TB Lightning
3-0
1-2
0-1
1-0 THOMAS
11'
 
 
2-0 STEEN
12'
 
 
3-0 TARASENKO
13'
 
 
 
 
21'
3-1 KILLORN
 
 
28'
3-2 POINT
4-2 SCHENN
35'
 
 
 
 
45'
4-3 STAMKOS
11' 1-0 THOMAS
12' 2-0 STEEN
13' 3-0 TARASENKO
KILLORN 3-1 21'
POINT 3-2 28'
35' 4-2 SCHENN
STAMKOS 4-3 45'
Ultimo aggiornamento: 24.03.2019 03:46
DAL Stars
NHL
2 - 3
fine
0-1
2-1
0-1
PIT Penguins
0-1
2-1
0-1
 
 
16'
0-1 GUENTZEL
1-1 SEGUIN
21'
 
 
 
 
35'
1-2 MCCANN
2-2 COGLIANO
39'
 
 
 
 
45'
2-3 MCCANN
GUENTZEL 0-1 16'
21' 1-1 SEGUIN
MCCANN 1-2 35'
39' 2-2 COGLIANO
MCCANN 2-3 45'
Ultimo aggiornamento: 24.03.2019 03:46
VAN Canucks
NHL
0 - 1
pausa
0-1
CAL Flames
0-1
 
 
10'
0-1 GIORDANO
GIORDANO 0-1 10'
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 24.03.2019 03:46
VEGAS Knights
NHL
0 - 1
pausa
0-1
DET Wings
0-1
 
 
4'
0-1 GLENDENING
GLENDENING 0-1 4'
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 24.03.2019 03:46
LA Kings
NHL
0 - 1
1. tempo
0-1
ANA Ducks
0-1
 
 
4'
0-1
0-1 4'
Ultimo aggiornamento: 24.03.2019 03:46
Estero
08.12.2018 - 15:200
Aggiornamento 15:48

"I nostri figli, stipati in quella discoteca come maiali in un allevamento intensivo"

Il dolore di un padre, la cui figlia per fortuna è scampata al dramma di Ancora, e quello di Sfera Ebbasta: "Fermatevi a pensare quanto è pericoloso e stupido usare lo spray dentro una disco. Che la musica unisca davvero"

ANCONA – La tragedia vista da due versanti: quello di un padre, la cui figlia va spesso in quella discoteca che è stata cornice della tragedia che ha visto morire cinque giovanissimi e una mamma dopo che qualcuno ha lanciato dello spray urticante, facendo fuggire tutti, e quello del trapper Sera Ebbasta, che avrebbe dovuto suonare su quel palco di lì a poco, spettatore innocente, come lo fu qualche anno fa Ariana Grande. E questa volta pare che i biglietti venduti fossero 600 più dello spazio disponibile!

“Sono le 2,30 di notte. Squilla il telefono di Riccardo, mio amico e papà di Laura. C’è proprio lei al telefono, è sotto choc perché la morte spaventa tutti, ma quando ti sfiora a 15 anni rappresenta un fatto non codificabile :

“Papà, qui c’è stata una tragedia, io per fortuna sono scappata dalla parte giusta”. 

Poi la notte in bianco, le lacrime, il tentativo di riconnettersi con la realtà, ma tutto è stravolto. Siamo finiti dentro la pagina di un libro che non ci appartiene. Testa o croce. A Laura e alle sue amichette è andata bene. Ad altri no. 

Le parole, le immagini, le testimonianze, i commenti si fermano sul bordo del baratro. Non è possibile procedere oltre. Per nessuno. “Don’t cross the line” c’è scritto sui nastri di plastica che usa la polizia per delimitare la zona del crimine. Qui è la stessa cosa. Da una parte le parole e dall’altra i morti.

Ho sentito decine di volte, in questi anni, pronunciare da mia figlia questa frase : “Papi, vado a La Lanterna”. Mai stato tranquillo di fronte a quelle parole, perché le poche volte che la sono andata a prendere (in genere rientrava con la navetta) mi ero trovato di fronte a un gelido campo profughi perso nel mezzo della campagna. Ragazzi a torso nudo che bivaccavano all’aperto alle quattro di mattina ricoperti solo dalla nebbia pungente dell’inverno. Vomito ovunque, gente che camminava senza meta stordita da alcol e non solo. 

E tutte le volte la stessa domanda fatta a mia figlia: “Ma come facevate a stare tutti lì dentro?” è tutte le volte la stessa risposta : “Hai ragione papi, ogni tanto devi uscire a respirare, perché lì dentro non ce la fai a muoverti”. 

Ogni rientro a casa all’alba aveva il sapore di un pericolo scampato. La notte di un genitore si divide in due parti: la prima è fatta di un sonno leggero accompagnato da un sottile velo di angoscia, perché sai che tuo figlio (la cosa più importante della tua vita) è stipato come un maiale in un allevamento intensivo, all’interno di un anonimo capannone. Un fragile cristallo sbattuto dentro la centrifuga di una lavatrice. 

La seconda parte della notte, quella in cui riesci finalmente a prendere sonno, corrisponde al rumore della chiave nella serratura della porta di casa. Allora ti rilassi, allora pensi “è andata bene anche questo giro”.

Una volta con mia moglie andammo a “recuperare” Marta a “La Lanterna”. La notte era illuminata da bagliori sinistri di fuoco che si alzavano alti. Sirene e Vigili del fuoco. La macchina andava avanti per forza d’inerzia accompagnata solo dal nostro silenzio che assomigliava al terrore.

Arriviamo e scopriamo che un gigantesco fienile a due passi dal locale sta bruciando, un incendio che si è poi protratto per oltre 24 ore.

Ricordo la sensazione di pericolo scampato, di paura che si scioglie lasciando il posto a un sollievo infinito.

Questa volta è andata diversamente. Adesso tutto è veramente accaduto. Probabilmente dentro erano in troppi, probabilmente qualcuno ha utilizzato una bomboletta di gas urticante, “probabilmente” in questi casi è la parola più gettonata, ma purtroppo, al momento, la sola certezza è quella del dolore. Forse noi genitori dovremmo essere meno succubi dei nostri figli, perché in fin dei conti sappiamo che dentro quei capannoni travestiti da discoteche c’e poco da stare tranquilli, ma poi i ragazzi ci sputano in faccia una frase che utilizzano come un lasciapassare : “Guarda che ci vanno tutti!! Non posso essere il più sfigato!!”. E allora noi, docili, come agnelli, di fronte a quella frase ci arrendiamo, li lasciamo andare e incrociamo le dita sperando che tutto vada bene. Questa volta è andato tutto male. 

In quell’angolo di campagna apparentemente innocua sono morti i nostri figli. Quelli hanno le Nike, i jeans a tubo, le caviglie scoperte e qualche tatuaggio sparso, frutto di trattative estenuanti con le madri. Sono morti i nostri figli che l’otto dicembre avrebbero dormito fino a mezzogiorno, presentandosi direttamente per il pranzo con gli occhi ancora pieni di sonno. 

In questi giorni ho ripreso in mano “La banalità del male” di Hannah Arendt ed è proprio vero che molte tragedie si consumano così, perché il male a volte per essere generato non richiede un impegno eccessivo. Basta voler guadagnare cinquemila euro in più, riempiendo un capannone come fosse un vagone merci che punta su Auschwitz. Basta vendere dieci bottiglie in più di super alcolico, fregandosene di tutto. Ciò che conta sono i soldi finiti in cassa. Basta spruzzare un gas urticante pensando che sia un gioco o poco più. 

E qui finiscono le mie parole che si uniscono a quelle di tanti altri. Qui finisce tutto. Resta il silenzio. Resta la speranza che i feriti gravi riescano a sopravvivere e che si trovino i colpevoli. Resta scolpita per sempre nei nostri calendari una data di morte. 8 dicembre 2018”.

Sotto shock anche il trapper:

“Sono profondamente addolorato per quello che è successo ieri sera a Corinaldo. È difficile trovare le parole giuste per esprimere il rammarico e il dolore di queste tragedie. 

Non voglio esprimere giudizi sui responsabili di tutto questo, vorrei solo che TUTTI QUANTI vi fermaste a pensare a quanto può essere pericoloso e stupido usare lo spray al peperoncino in discoteca. 

Grazie a tutte le persone, le ambulanze e le forze dell'ordine che hanno prestato soccorso durante la notte. Per quanto a poco possa servire, il mio affetto e il mio sostegno vanno alle famiglie delle vittime e a quelle dei feriti e proprio per rispetto di questi ultimi gli impegni promozionali e gli instore dei prossimi giorni verranno cancellati. 

La musica dovrebbe essere uno strumento che unisce le persone, speriamo che lo diventi davvero”

3 mesi fa "Aspettavamo Sfera Ebbasta", poi un odore strano, la fuga, la tragedia. Sei morti a Ancona
Tags
notte
figli
parole
figlia
discoteca
male
tragedia
frase
allevamento
allevamento intensivo
© 2019 , All rights reserved