TOR Leafs
6
MON Canadiens
3
fine
(0-3 : 2-0 : 4-0)
PHI Flyers
1
PIT Penguins
2
pausa
(1-1 : 0-1)
EDM Oilers
ANA Ducks
04:00
 
VAN Canucks
NY Islanders
04:00
 
TOR Leafs
NHL
6 - 3
fine
0-3
2-0
4-0
MON Canadiens
0-3
2-0
4-0
 
 
9'
0-1 SHAW
 
 
13'
0-2 TATAR
 
 
14'
0-3 PETRY
1-3 MATTHEWS
23'
 
 
2-3 ENNIS
39'
 
 
3-3 NYLANDER
47'
 
 
4-3 HYMAN
58'
 
 
5-3 JOHNSSON
59'
 
 
6-3 HYMAN
60'
 
 
SHAW 0-1 9'
TATAR 0-2 13'
PETRY 0-3 14'
23' 1-3 MATTHEWS
39' 2-3 ENNIS
47' 3-3 NYLANDER
58' 4-3 HYMAN
59' 5-3 JOHNSSON
60' 6-3 HYMAN
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 24.02.2019 03:55
PHI Flyers
NHL
1 - 2
pausa
1-1
0-1
PIT Penguins
1-1
0-1
 
 
8'
0-1 CROSBY
1-1 COUTURIER
13'
 
 
 
 
31'
1-2 SCHULTZ
CROSBY 0-1 8'
13' 1-1 COUTURIER
SCHULTZ 1-2 31'
Ultimo aggiornamento: 24.02.2019 03:55
EDM Oilers
NHL
0 - 0
04:00
ANA Ducks
Ultimo aggiornamento: 24.02.2019 03:55
VAN Canucks
NHL
0 - 0
04:00
NY Islanders
Ultimo aggiornamento: 24.02.2019 03:55
Mixer
03.04.2018 - 16:470
Aggiornamento 19.06.2018 - 15:43

Chiedimi se sono felice. In Danimarca, happy si collega con hyiggie, ovvero l'elevata qualità delle relazioni affettive e il tempo per coltivarle

Per il terzo anno consecutivo la Danimarca è sul podio dei paesi più felici al mondo, assieme a Finlandia e Norvegia. E uno dei parametri tenuti in considerazione è proprio quella parola intraducibile, che ha dato vita a diversi costrutti, da hyggebusker a Fredagshygge. Un motivo su cui riflettere...

COPENHAGEN – Sono i soldi a far felici? No, si è felici se si ha hyggie.  È un termine nordico, intraducibile in italiano ed anche in inglese, ma usato in danese, con corrispettivi in norvegese, svedese, olandese e pure tedesco.

La Danimarca si trova nei primi tre posti per i paesi più felici al mondo per il settimo anno consecutivo, e il suo segreto è proprio quello. A stabilirlo è il World Happiness Report 2018: Finlandia, Norvegia e Danimarca appunto vincono. La classifica viene stilata secondo dati oggettivi, come il numero di crimini commessi, la salute, il reddito, il sistema sanitario, la stabilità dei governi, l’aspettativa di vita, e su alcuni soggettivi.

Per i danesi, a prevalere è proprio questo hyggie, un costrutto che indica una elevata qualità di relazioni sociali e familiari e la possibilità di prendersi del tempo per coltivarle, è la felicità delle piccole cose che si trova nel quotidiano. Rimanda a un concetto di familiarità e di accoglienza.

Per qualcuno, deriva dal clima di quei paesi, in cui il freddo invita a stare in casa, al calduccio. Ma probabilmente sarebbe riduttivo. Basti pensare ad alcune parole derivate, come hyggebusker, quei pantaloni magari vecchi o fuori moda che uno mai indosserebbe in pubblico ma che sono i preferiti, comodi e confortevoli da mettere però solo in casa: ovvero, non da ostentare, ma che fanno star bene nella propria intimità, a casa propria. Tanto che, per esempio, è il relax con gli amici o con la famiglia o anche da soli dopo un’intensa settimana di lavoro, si chiama Fredagshygge.

Dunque, più che tutto è un modo diverso di vivere, il mettere la soddisfazione delle relazioni sopra tutto il resto. Meno lavoro, più tempo per la famiglia e gli amici. E sono più felici.

L’eterno dibattito: i soldi fanno la felicità, o c’è qualcos’altro? I danesi hanno trovato la ricetta, anche se una sola per tutti forse è riduttiva, dato che non solo ogni popolo ma anche ogni persona è diversa. Qualcosa su cui riflettere, però.
Potrebbe interessarti anche
Tags
danimarca
relazioni
tempo
paesi
elevata qualità
qualità
casa
© 2019 , All rights reserved