ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
21.06.2022 - 17:040

La mamma della piccola Elena: "Mentre colpivo mia figlia mi sono girata, perché non volevo guardare"

Il gip chiede la convalida dell'arresto della donna. "È una persona lucida e calcolatrice"

CATANIA – "Non ricordo". È la frase pronunciata più spesso da Martina Patti, la giovane mamma che ha ucciso la figlia di quattro anni. Interrogata, alla donna è stato chiesto di spiegare la dinamica dei fatti. "Non ricordo, perché ero girata e non volevo guardare". 

Per il gip non ci sono dubbi: "Patti ha voluto uccidere la figlia. Il suo è un gesto premeditato. Ha inferto più colpi d'arma da punta e taglio. Quella della piccola Elena è stata una morte cruenta e lenta. Uccidere un figlio in tenera età e, quindi indifeso, oltre a integrare un gravissimo delitto, è un comportamento innaturale, ripugnante, eticamente immorale, riprovevole e disprezzabile, per nulla accettabile in alcun contesto... indice di un istinto criminale spiccato e di elevato grado di pericolosità".

La madre non ha manifestato segni di pentimento. Anzi..."ha inscenato il rapimento con estrema lucidità. Tutti elementi che denotano una particolare spregiudicatezza, insensibilità, assoluta mancanza di resipiscenza. È una persona lucida e calcolatrice. Se non viene arrestata, potrebbe darsi alla fuga".

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
volevo guardare
piccola elena
girata
figlia
mamma
volevo
elena
donna
persona lucida
gip
© 2022 , All rights reserved