ULTIME NOTIZIE News
Economia
23.11.2022 - 09:170

Se il prezzo dell'energia salisse troppo, potrebbero esserci aiuti

Lo ha detto Christian Vitta, parlando di possibili indennità di lavoro ridotto, quelle conosciute in particolar modo durante il Covid, anche in caso di penuria dovuta ai provvedimenti delle autorità

BELLINZONA - Le aziende ticinesi, in linea di massima, sono coperte a livello energetico per tutto il 2023 e anche oltre con contratti a lungo e medio termine. Altre invece si trovano confrontate col problema dell'incertezza sui prezzi. Lo ha indicato Christian Vitta al Corriere del Ticino.

Ci sono possibilità di aiuti, se i costi dovessero salire in modo importante, tanto da sfuggire al controllo? "L’autorità federale ha precisato che l’utilizzo delle indennità per il lavoro ridotto è, se la condizioni sono adempiute, valutabile anche in caso di un massiccio aumento dei prezzi dell’energia o per un eventuale situazione di penuria energetica causati dai provvedimenti delle autorità", ha spiegato. "Se il mercato internazionale svizzero dovesse adattarsi strutturalmente su livelli più alti è un problema di sistema che non riguarderà solo il canton Ticino ma tutta la Svizzera. In questo caso sarà compito del Consiglio federale, in collaborazione con i Cantoni, elaborare una strategia". 

Per ora, stando al Consigliere di Stato, le ditte ticinesi ancora sprovviste di contratto energetico sono meno del 5%. 

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
energia
aiuti
caso
autorità
vitta
lavoro ridotto
christian vitta
provvedimenti
indennità
lavoro
© 2022 , All rights reserved