Politica
04.10.2016 - 14:550
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:43

Il PS, «"Prima i nostri" si fa con salari dignitosi: pubblicate i vostri!»

I socialisti replicano a Siccardi. «Un eventuale deficit formativo in Ticino è da dimostrare, e non sarebbe imputabile solo allo Stato. Ma voi quanto offrite ai nostri giovani?»

BELLINZONA - L'affermazione di Alberto Siccardi, secondo cui i ticinesi non sono sufficientemente formati, continua a far discutere anche dopo giorni. Il PS prende posizione con un comunicato, chiedendo la pubblicazione di ruoli richiesti e salari offerti, e sottolineando che la formazione dei ragazzi avviene anche attraverso l'apprendistato nelle ditte, e dunque eventuali lacune non sono imputabili solo allo Stato. «Durante gli ultimi giorni la stampa ha più volte pubblicato l’opinione secondo la quale il problema del lavoro in Ticino sarebbe legato alla formazione, sostenuta ad esempio dal patron della Medacta SA Alberto Siccardi. Questo genere di opinioni, sprovviste di dati e statistiche, sono finalizzate alla polemica e non contribuiscono a determinare né le cause né le soluzioni dei problemi del lavoro in Ticino. Il Partito Socialista ritiene perciò necessario che gli imprenditori come Alberto Siccardi, oltre alla loro opinione, rendano pubblici anche i profili professionali ricercati (quanti e quali) così come i relativi salari. Questi dati sono indispensabili per sapere se in Ticino c’è un reale problema di formazione o se al contrario il nocciolo della questione – che questo genere d’opinione intende celare –  è il salario», inizia la nota. Poi si passa ai numeri: «Nell’anno accademico 2014/15 sono stati 847 gli studenti ticinesi iscritti ai Politecnici federali, di cui 659 al ETH di Zurigo, recentemente classificato al nono posto dei migliori istituti superiori al mondo. 601 gli studenti ticinesi in scienze tecniche: 103 in più di dieci anni fa. Alla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), 295 ticinesi hanno seguito la formazione in "tecnologie innovative" e 314 in "ambiente, costruzione e design". Delle formazioni che implicano un investimento del Cantone:  per l’anno citato, per le sole borse di studio sono stati accordati 1.4 milioni per le formazioni al Politecnico, 1.05 per quelle universitarie professionali e 1.6 milioni per le formazioni nelle scuole tecniche universitarie d’Oltregottardo. A fronte di questi dati è indispensabile sottolineare come i salari in Ticino continuino ad essere sistematicamente i più bassi della Svizzera, con una differenza del 15-20% e un salario mediano inferiore di 1000 franchi rispetto al resto della Confederazione». Il PS capisce come «un giovane ticinese formato, per cui anche il Cantone ha fortemente investito, scelga un’opportunità professionale nel resto della Svizzera piuttosto che in Ticino. Il PS Ticino ritiene dunque che vi sia un ampio margine salariale su cui è imperativo agire per attrarre nel nostro Cantone i giovani che hanno seguito una formazione di qualità in Svizzera. Ai “nostri” le porte vanno aperte in particolare offrendo loro salari in grado di garantire vite dignitose». Infine, il ruolo formatore non è solo dello Stato. «Alle aziende stabilite in Ticino, i cui responsabili lamentano dei problemi di formazione, il Partito Socialista ricorda il loro ruolo in questo ambito, soprattutto nel campo del tirocinio, visto che dei 10'000 giovani che seguono una formazione professionale più della metà sono apprendisti. Un eventuale deficit formativo, che va comunque dimostrato, non può essere imputato unicamente allo Stato, ma va anche attribuito alle aziende che, invece di formare i giovani, preferiscono puntare all’assunzione sistematica di personale sottocosto, o frontaliere, con l’unico scopo di massimizzare i profitti».
Potrebbe interessarti anche
Tags
ticino
salari
formazione
ps
ticinesi
stato
svizzera
siccardi
giovani
solo stato
© 2019 , All rights reserved