ULTIME NOTIZIE Politica
Politica
20.09.2018 - 22:010

Un prestito per ristrutturare degli appartamenti: un nuovo filone inguaia Clemente Wicht

L'ex presidente democentrista, oltre ai 7 milioni sottratti all'ex moglie, è indagato anche per un affare immobiliare da 400-700mila franchi

BELLINZONA – È in carcere per aver sottratto, a quanto pare, circa 7 milioni di franchi all’ex moglie di cui gestiva il patrimonio. Ma la situazione per l’ex presidente dell’UDC Paolo Clemente Wicht pare aggravarsi ancora.

Secondo la RSI, infatti, ci sarebbe anche un secondo filone che lo coinvolge. Nel 2013, avrebbe convinto un investitore a finanziare la ristrutturazione di tre appartamenti nel Sopraceneri, per una somma fra i 400mila e i 700mila franchi.

Ma l’uomo non ha mai rivisto né i soldi né l’immobile, il quale poi è stato intestato all’ex moglie del politico. Il suo legale sostiene che non c’è imbroglio e che la somma sarebbe stata restituita appena possibile. 

La denuncia è arrivata in gennaio, poco tempo dopo quella della donna. E il periodo di carcerazione preventivo sta per scadere, il Procuratore Pubblico Minesso, che si occupa del caso, ha già chiesto di prolungarlo.

Potrebbe interessarti anche
© 2021 , All rights reserved