Politica
20.03.2019 - 09:000

Anonimo incivile in azione: "Quel procione di un Robbiani non muore mai"

Il deputato lrghista ha pubblicato sui social una lettera che gli è arrivata. "Sum ammò mi", scrive l'hater, segno che non è la prima volta che si rivolge a lui

MENDRISIO – Purtroppo, è facile essere leoni dietro una tastiera o dietro l’anonimato. Quale politico non ha ricevuto almeno una lettera di quel genere? Sarebbe bello dire molti, la verità è probabilmente pochi o nessuno.

L’inciviltà esce ancor di più durante le campagne elettorali. E qualcuno rende pubblico, dai cartelloni danneggiati di Marchesi a chi, firmandosi con uno pseudonimo, scrive a Robbiani “non muori mai”.

Il deputato leghista ha pubblicato sui social la foto di una missiva ricevuta, scritta a mano e in dialetto. “Mi spiace per questo gentiluomo. Sono ancora vivo. A proposito, grande coraggio firmarsi con un nome inventato. Lunga vita a te..sei troppo divertente”, commenta.

Nella sottospecie di filastrocca, si dice che muoiono l’agnello, il bue, l’asinello ma “quel procione di un robbiani al möör mai”, con il cognome minuscolo.

Non è la prima volta che questa persona rivolge apprezzamenti al politico, dato che scrive “sum ammò mi”, ovvero “sono ancora io”.
Alla maleducazione non c’è limite.

5 mesi fa Danneggiati i cartelloni elettorali di Marchesi. "Un abbraccio agli imbecilli che non rispettano le idee dell'avversario"
7 mesi fa Evviva il coraggio e la grammatica italiana! "Uella Pantanella..." Lettera anonima alla leghista: "Anno nuovo, imbecilli vecchi"
2 anni fa Leoni da tastiera, o meglio da penna. Non si ferma l'ondata di lettere contro Fiorenzo Dadò... ovviamente anonime
Tags
robbiani
procione
quel procione
© 2019 , All rights reserved