Politica
03.06.2019 - 17:510

Il PC 'ringrazia' Kering. "Il Cantone chieda come risarcimento morale il capannone di Sant'Antonino"

Lea Ferrari attacca: "Siamo in balia di una crica di neoliberisti, basti il nome di Marina Masoni. Chiediamo il capannone Gucci, potrebbe essere messo a disposizione di associazioni e progetti innovativi"

BELLINZONA – In Gran Consiglio si è parlato del caso Kering, con alcuni atti parlamentari in particolare da parte di un combattivo Matteo Pronzini (che in numerose occasioni si è beccato con toni accesi col presidente Franscella) e di Lea Ferrari del PC.

L’ora delle domande, soprattutto, è stata ampiamente dedicata al tema. Ferrari, replicando alla risposta di Christian Vitta, ha chiesto che il capannone della Kering possa andare, come risarcimento morale, al Cantone.

Poco dopo il Partito Comunista ha diramato un comunicato. “Grazie Kering! Per aver soppresso 400 posti di lavoro, per l’ecomostro di Sant’Antonino, generatore di traffico e inquinamento. Per aver celato i soldi del fisco italiano attraverso «una stabile organizzazione occulta» costituita dalla società svizzera LgiLuxury Goods International”, si legge, ricalcando quanto ha detto Ferrari nel suo intervento.

“Il Partito Comunista è fortemente critico sulla direzione data dal DFE al nostro Cantone. La Fashion Valley è fumo negli occhi della popolazione ticinese: non genera né lavoro né benessere e men che meno progresso. Siamo in balia di una cricca di neoliberisti, basti il nome di Marina Masoni, che già hanno fatto degli sgravi fiscali il loro brand. Nella seduta odierna i deputati Massimiliano Ay e Lea Ferrari (Partito Comunista) hanno chiesto chiarezza al Ministro Vitta sul caso Kering, che sembra purtroppo essere solo la punta di un iceberg in pieno scioglimento e alla deriva nel mare dei capannoni, del precariato e della sudditanza al capitale finanziario internazionale”, attacca.

“La sterzata da questa corsa contro il vuoto non sarà facile e richiederà un profondo ripensamento delle politiche economiche delle scorse legislature. Da subito invece il Ministro Vitta - già sindaco di Sant’Antonino che in questa carica accolse sul sedime della vecchia fabbrica di tabacchi il capannone di Gucci (il marchio più importante del gruppo Kering) pure, da nostre informazioni, con un regalo fiscale di benvenuto - potrebbe rivendicare la donazione dell’infrastruttura logistica al Cantone, che potrebbe farne un uso proprio e metterla a disposizione di associazioni e progetti innovati locali. Sarebbe il minimo per risarcire i danni lasciati da Kering sul territorio”, è la richiesta. Su cui Vitta, in aula, non si è pronunciato.

3 sett fa Kering, il Ministero Pubblico sulle residenze fittizie emana un non luogo a procedere
3 sett fa "Riorganizzeremo e semplificheremo l'attuale struttura logistica", Kering spiega l'addio al Ticino
3 sett fa Le riflessioni liberali. "Ecco cosa ci insegna il caso Kering"
3 sett fa OCST preoccupato: "Le ripercussioni andranno oltre i 400 dipendenti. Essi informati dai media..."
3 sett fa L'esodo di Kering: i posti persi saranno 400!
3 sett fa "L'avevamo detto!". MPS commenta l'addio di Kering: "Il gioco è finito".
3 sett fa Kering dimezza. In tre anni salteranno 200 posti di lavoro
Potrebbe interessarti anche
Tags
kering
cantone
capannone
ferrari
antonino
vitta
sant
sant antonino
risarcimento morale
pc
© 2019 , All rights reserved