Politica
03.07.2019 - 12:130

Il PS a difesa dei rifugiati. "Ogni essere umano va tutelato, lo Stato deve garantirne la dignità"

Condizioni precarie al bunker di Camorino, rinvii avvenuti durante la notte con metodi discutibili, nessuno a cui rivolgersi per avere informazioni: il gruppo socialista inoltra una mozione con tre richieste

BELLINZONA – Lo sciopero della fame da parte di alcuni asilanti ospiti del centro di Camorino, poi trasferiti, unito ad alcuni episodi dei mesi scorsi di rinvii particolarmente scioccanti e al caso di una famiglia che si è lamentata di essere stata maltrattata dalla Polizia all’aeroporto, ha spinto il gruppo socialista in Gran Consiglio ad agire a tutela dei rifugiati.

Esso ha inoltrato una mozione “con cui vengono formulate tre richieste volte al rispetto della dignità dei rifugiati. La mozione chiede la chiusura dei bunker destinati all’alloggio dei rifugiati e la loro sostituzione con strutture adeguate, l’istituzione di un garante a cui queste persone possono far capo e una regolamentazione che vieti sia gli interventi a sorpresa di notte nelle abitazioni delle persone che vengono espulse in modo forzato, sia il rinvio di minorenni, nel rispetto della Convenzione sulla protezione del fanciullo ratificata dalla Svizzera”.

Prima di tutto, la questione dei cosiddetti bunker, che per il PS devono essere chiusi e “sostituiti con delle strutture adeguate alla loro vita nel rispetto della loro dignità. La recente canicola ha dimostrato che i bunker della Protezione civile non sono affatto adeguati all’alloggio di richiedenti d’asilo poiché non garantiscono le condizioni minime (condizioni igieniche, temperatura, areazione, umidità, ecc.) che rispettino la dignità della persona nella sua vita quotidiana. Una situazione che ha portato alla protesta e allo sciopero della fame delle persone alloggiate presso il bunker della Protezione civile di Camorino. I bunker previsti a questo fine vanno perciò chiusi e sostituiti con strutture idonee”.

Poi si vorrebbe “istituire un garante cantonale indipendente che verifichi le condizioni di vita dei rifugiati a cui queste persone possono fare capo. È necessario un garante cantonale indipendente a cui queste persone possono rivolgersi, anche quelle per le quali è stata decisa la non entrata in materia per la richiesta d’asilo o che sono in attesa di rimpatrio in seguito al rigetto della stessa. Un garante che deve essere dotato dei mezzi necessari per controllare le condizioni di vita di tutte le persone in attesa delle decisioni che le concernono, riguardo alle quali deve essere informato”.

Infine, “una regolamentazione che vieti sia gli interventi a sorpresa di notte nell’abitazione delle persone che vengono espulse in modo forzato, sia l’espulsione di minorenni, protetti dal Codice civile svizzero nel rispetto della Convenzione sui diritti del fanciullo”. Più inchieste giornalistiche – come quella pubblicata dal settimanale “Il Caffè” lo scorso 23 giugno – ONG e testimonianze evidenziano le modalità disumane di rinvio forzato di persone, che coinvolgono anche dei minori, a seguito del rigetto o la non entrata in materia della loro richiesta d’asilo: dall’intervento di notte, a sorpresa, nell’abitazione delle persone espulse in modo forzato, al fatto di immobilizzare le persone e legarle anche durante il volo di rinvio. Dei metodi che non possono essere accettati”.

La mozione ha un titolo esplicito, “Per la tutela dei rifugiati nel rispetto della dignità della persona”. “Ogni essere umano ha il diritto di essere tutelato, ascoltato e difeso. Lo Stato ne deve garantire la dignità, come affermato dalla Costituzione federale svizzera. Nell’ambito delle procedure d’asilo, purtroppo, in Svizzera ci sono delle situazioni in cui i rifugiati non dispongono di un’autorità a cui possono rivolgersi nel caso di eventuali o presunti abusi; per le quali non è previsto il controllo delle loro condizioni di vita per cui non si può escludere che la loro dignità sia garantita”, si legge in una nota inviata a margine della mozione.

2 mesi fa "Non c'è più assistenza sanitaria. Ora ci vivono in 8 con 4 securini a sorvegliarli". R-Esistiamo sul bunker ne ha per tutti
6 mesi fa "Acqua gialla, mancanza d'aria, sanzioni, maltrattamenti su chi è traumatizzato: anche i medici dicono di chiudere il bunker"
7 mesi fa "Chi, in quei bunker, si fa sentire, viene vessato". Storia di H, 72 ore alla Farera e un presidio
2 mesi fa Sciopero degli asilanti, Fonio e Ferrara in coro: "Scioperare è una cosa seria"
11 mesi fa Nessuna irruzione, la donna eritrea avrebbe preparato i bagagli prima di partire con calma
12 mesi fa "Le leggi possono essere applicate senza violenza". Petizione per "restare umani"
12 mesi fa Pronzini e i "trattamenti disumani. Gobbi, Cocchi, sapevate? Avete detto sì?"
12 mesi fa "Non era un rimpatrio forzato: al rifiuto della donna si è annullato tutto". La Polizia replica
12 mesi fa "I bambini vomitavano, la madre piangeva". Racconto (choc) di un altro rimpatrio
1 anno fa "Ordinaria disumanità". Lisa Bosia sulla donna eritrea rinviata ieri, "come i Kapò"
1 anno fa Una donna con due bambini "portati via alle 5. La piccola è gravemente malata"
Potrebbe interessarti anche
Tags
rifugiati
condizioni
essere
bunker
dignità
rispetto
mozione
notte
asilo
garante
© 2019 , All rights reserved