Ginevra
6
Zurigo
7
3. tempo
(3-2 : 1-3 : 2-2)
Zugo Academy
4
Langenthal
3
fine
(0-1 : 3-2 : 1-0)
Ginevra
LNA
6 - 7
3. tempo
3-2
1-3
2-2
Zurigo
3-2
1-3
2-2
1-0 FEHR
4'
 
 
 
 
8'
1-1 ROE
2-1 SMIRNOVS
11'
 
 
 
 
16'
2-2 BALTISBERGER
3-2 FEHR
18'
 
 
 
 
25'
3-3 ROE
4-3 FEHR
27'
 
 
 
 
33'
4-4 HOLLENSTEIN
 
 
34'
4-5 HOLLENSTEIN
5-5 WINGELS
45'
 
 
 
 
48'
5-6 NOREAU
6-6 WINNIK
49'
 
 
 
 
56'
6-7 HOLLENSTEIN
4' 1-0 FEHR
ROE 1-1 8'
11' 2-1 SMIRNOVS
BALTISBERGER 2-2 16'
18' 3-2 FEHR
ROE 3-3 25'
27' 4-3 FEHR
HOLLENSTEIN 4-4 33'
HOLLENSTEIN 4-5 34'
45' 5-5 WINGELS
NOREAU 5-6 48'
49' 6-6 WINNIK
HOLLENSTEIN 6-7 56'
Ultimo aggiornamento: 23.01.2020 22:00
Zugo Academy
LNB
4 - 3
fine
0-1
3-2
1-0
Langenthal
0-1
3-2
1-0
 
 
6'
0-1 SULESKI
1-1 EUGSTER
26'
 
 
2-1 STEHLI
27'
 
 
3-1 BOUGRO
32'
 
 
 
 
33'
3-2 BENIK
 
 
36'
3-3 KUNG V.
4-3 STOFFEL
54'
 
 
SULESKI 0-1 6'
26' 1-1 EUGSTER
27' 2-1 STEHLI
32' 3-1 BOUGRO
BENIK 3-2 33'
KUNG V. 3-3 36'
54' 4-3 STOFFEL
Ultimo aggiornamento: 23.01.2020 22:00
Politica
22.11.2019 - 09:000

Caprara: "Chiediamo scusa se la congiunzione ha creato malumore e disorientamento"

"Confermo, assieme all’ufficio presidenziale, di voler continuare a servire il PLR con grande convinzione", ha scritto. Farinelli preoccupato per i tanti volti nuovi nella deputazione a Berna

BELLINZONA – C’era sicuramente curiosità per la prima edizione di Opinione Liberale pubblicata dopo la sconfitta alle urne. Bixio Caprara si è occupato, come prevedibile, dell’editoriale.

Lo riportiamo per intero:

"Care e cari amici liberaliradicali,

a nome mio e dell’Ufficio presidenziale esprimo un profondo e sincero ringraziamento a Giovanni Merlini. Giovanni si è presentato in modo coerente mettendo a disposizione le sue profonde conoscenze della politica svizzera e le sue indubbie competenze. Una candidatura di qualità, presentata con grande determinazione e senza rete pur sapendo che sarebbe stata una lotta difficile. Grazie di cuore Giovanni.

Sono e siamo molto dispiaciuti e rammaricati del risultato e siamo consapevoli che sono stati
commessi anche degli errori. 

Capiamo il sentimento di alcuni di Voi in merito in particolare alla scelta della congiunzione e ci scusiamo se questa, pur condivisa a larga maggioranza dal Comitato Cantonale, ha creato malumore e disorientamento. Prendiamo sul serio le critiche raccolte in questi giorni e soprattutto le proposte costruttive di chi, come noi, vuole bene al partito ed è determinato a trovare le giuste soluzioni. Proprio per questo vogliamo aprire la discussione interna al partito per una profonda riflessione sul nostro modo di fare politica di fronte alle difficili sfide odierne.

Come saggiamente raccomandato da Giovanni però adesso è il momento di rimanere uniti e lavorare insieme favorendo una serena e schietta riflessione sull’impostazione e sui temi caratterizzata anche dalla capacità di autocritica affinché gli errori diventino opportunità di crescita.

Vogliamo bene al Ticino e lavoriamo affinché il cittadino possa ancora riporre nel PLR la ne-
cessaria fiducia. I problemi ci sono così come le preoccupazioni: mercato del lavoro, costi della
salute, previdenza vecchiaia e ambiente. Temi che richiedono soluzioni liberaliradicali.

Ho molto a cuore le sorti del nostro partito e confermo, assieme all’ufficio presidenziale, di voler continuare a servirlo con grande convinzione. Siamo determinati a rilanciare il PLR per sostenere le sezioni nell’affrontare nel migliore dei modi le elezioni comunali del prossimo anno.

Sono certo che grazie al vostro aiuto e alla vostra collaborazione sapremo trovare le giuste soluzioni nel rispetto dei valori liberaliradicali di libertà, coesione e progresso".

Si sono espressi anche i Consiglieri Nazionali Rocco Cattaneo e Alex Farinelli.

Cattaneo ringraziato sentitamente Giovanni Merlini, che tanto lo ha aiutato a inserirsi a Palazzo Federale, ritiene comunque che "i due nuovi rappresentanti del Canton Ticino alla Camera alta – Marina Carobbio e Marco Chiesa, con i quali mi complimento per il brillante risultato – avranno il difficile compito di trovare la necessaria congruenza su temi di importanza epocale. Mi riferisco ai rapporti con l’Europa, alla previdenza per la vecchiaia, alla svolta climatica, alla rivoluzione digitale, al rilancio della crescita economica e dell’occupazione. Temi sui quali faccio molta fatica ad immaginare un’unità di intenti dei due nuovi eletti nell’interesse del Cantone. Ma le vie della politica come quelle del paradiso sono infinite e mi lascerò sorprendere. Di sicuro il Ticino ha perso un tandem agli Stati".

Farinelli ha espresso una preoccupazione: "trovarsi con una deputazione di 10 persone nella quale oltre la metà è nuova, nei membri (Farinelli, Storni, Marchesi e Gysin) o nei ruoli (Chiesa e Carobbio), rischia di penalizzarne l’incisività nell’interesse generale del Ticino. Infatti, è bene ricordalo, molte soluzioni".

ai nostri problemi si possono trovare solo a Berna.

 

© 2020 , All rights reserved