Politica
03.12.2019 - 19:210

La Svizzera vuol lanciare un segnale di distensione a Bruxelles: sì al miliardo di coesione

Non si è ancora votato ma tutti tranne l'UDC parrebbero intenzionati a dire sì al credito per veicolare un messaggio, anche se il versamento avverrà quando non ci saranno più misure discriminatorie dell'Unione Europea

BERNA – Non si è ancora votato, ma a quanto pare il Parlamento è deciso ad andare verso un sì al miliardo di coesione, o quanto meno un sì condizionato: verrà versato quando l’UE ritirerà le misure discriminatorie nei confronti del nostro Paese.

In particolare si pensa all’equivalenza borsistica, che sebbene secondo il Consiglio Federale, che aveva preparato delle contromisure, non ha danneggiato troppo il mercato elvetico, ma che è stata comunque una ritorsione nei confronti della Svizzera per i tentennamenti sull’accordo quadro.

Per la maggioranza, UDC escluso, votare sì al miliardo di coesione vuol dire dare un segnale di distensione a Bruxelles, segnalando che la Svizzera intende mantenere e approfondire le proprie relazioni con l'Europa.

Se la sinistra aveva chiesto di legare il miliardo ai programmi dell'Unione in materia di educazione, formazione, ricerca e cultura (respinto), la destra denuncia le pressioni dell’UE.

Tags
svizzera
bruxelles
coesione
distensione
segnale
miliardo
ancora votato
misure
misure discriminatorie
© 2019 , All rights reserved