Ginevra
6
Zurigo
9
fine
(3-2 : 1-3 : 2-4)
Zugo Academy
4
Langenthal
3
fine
(0-1 : 3-2 : 1-0)
Ginevra
LNA
6 - 9
fine
3-2
1-3
2-4
Zurigo
3-2
1-3
2-4
1-0 FEHR
4'
 
 
 
 
9'
1-1 ROE
2-1 SMIRNOVS
11'
 
 
 
 
16'
2-2 BALTISBERGER
3-2 FEHR
18'
 
 
 
 
25'
3-3 ROE
4-3 FEHR
27'
 
 
 
 
33'
4-4 HOLLENSTEIN
 
 
34'
4-5 HOLLENSTEIN
5-5 WINGELS
45'
 
 
 
 
48'
5-6 NOREAU
6-6 WINNIK
49'
 
 
 
 
56'
6-7 HOLLENSTEIN
 
 
58'
6-8 PETTERSSON
 
 
59'
6-9 NOREAU
4' 1-0 FEHR
ROE 1-1 9'
11' 2-1 SMIRNOVS
BALTISBERGER 2-2 16'
18' 3-2 FEHR
ROE 3-3 25'
27' 4-3 FEHR
HOLLENSTEIN 4-4 33'
HOLLENSTEIN 4-5 34'
45' 5-5 WINGELS
NOREAU 5-6 48'
49' 6-6 WINNIK
HOLLENSTEIN 6-7 56'
PETTERSSON 6-8 58'
NOREAU 6-9 59'
Ultimo aggiornamento: 23.01.2020 22:10
Zugo Academy
LNB
4 - 3
fine
0-1
3-2
1-0
Langenthal
0-1
3-2
1-0
 
 
6'
0-1 SULESKI
1-1 EUGSTER
26'
 
 
2-1 STEHLI
27'
 
 
3-1 BOUGRO
32'
 
 
 
 
33'
3-2 BENIK
 
 
36'
3-3 KUNG V.
4-3 STOFFEL
54'
 
 
SULESKI 0-1 6'
26' 1-1 EUGSTER
27' 2-1 STEHLI
32' 3-1 BOUGRO
BENIK 3-2 33'
KUNG V. 3-3 36'
54' 4-3 STOFFEL
Ultimo aggiornamento: 23.01.2020 22:10
Elezioni federali 2019
19.11.2019 - 09:000

Romano: "La polarizzazione mi preoccupa, nel nostro sistema senza concordanza ci si ferma"

"Queste dinamiche bloccano e fomentano una distorsione tra dibattito pubblico (infiammato, ma poi?) e necessità di trovare soluzioni pratiche utili a gestire e sviluppare quotidianamente il Paese", e poi omaggia Lombardi

di Marco Romano*

Filippo Lombardi l'ho seguito attivamente dal 2006, dal 2011 collega sotto la Cupola. Un fenomeno della politica con un'efficacia senza eguali, una potenza nazionale e internazionale (qualcuno farà un giorno il calcolo dei milioni e dei progetti portati "spesso solo" al Ticino: 2a canna ferroviaria del Ceneri su tutti!); con pregi e difetti di ogni persona, nell'azione politica un numero 10 capace di guizzi su ogni dossier (un onore averci lavorato insieme! Grato per le esperienze vissute e gli insegnamenti carpiti!).

I Ticinesi gli hanno detto basta preferendo altri, più polarizzanti e rigidi sui temi. Sono dispiaciuto. Auguro buon lavoro a Marina e Marco, il Popolo è sovrano. 

Quanto uscito ieri evidenzia la polarizzazione compiuta, mi preoccupa: queste dinamiche bloccano e fomentano una distorsione tra dibattito pubblico (infiammato, ma poi?) e necessità di trovare soluzioni pratiche utili a gestire e sviluppare quotidianamente il Paese. Nel nostro sistema, senza concordanza e compromessi tutto si ferma. Alla fine "si conta" sempre sul centro che tuttavia elettoralmente viene bistrattato e spinto a dividersi (per quanto andremo ancora avanti?). 

E allora nei prossimi anni? Prestarsi a chi nei poli cercherà lo scontro e la divisione (a loro tutto è permesso e il metro di giudizio è sempre più flessibile) o costruire una dinamica di vera collaborazione al centro utile a difendere il modello di successo svizzero? Difficile rispondere. 

Per governare un Paese federalista ed eterogeneo come la Svizzera non posso immaginarmi soluzioni centralistiche e standardizzate calate da Berna, irrispettose della pluralità e delle minoranze, nonchè lontane dai valori di responsabilità individuale e di sussidiarietà, basi del successo svizzero.

*Consigliere Nazionale PPD

© 2020 , All rights reserved