Tribuna
30.10.2019 - 12:000

Salario minimo senza Prima i nostri? "Un disastro. Se pagar poco da immorale diverrà legge..."

Sergio Morisoli spiega perchè secondo lui prima del salario minimo andrebbe introdotta la preferenza indigena. "Non è il prezz fisso del lavoro che ci proteggerà da dumping e sostituzione, regoliamo domanda e offerta al di qua e al di là del confine"

di Sergio Morisoli*

Il salario minimo senza l’applicazione dell’articolo Costituzionale “Prima i nostri” sarà un disastro per il Ticino. 

Il salario minimo, cura a breve termine per 12’000 lavoratori di cui circa 7’000 frontalieri, diventerà a medio e lungo termine il salario massimo di riferimento per circa 80’000 / 100’000 lavoratori residenti ( a parte quelli che lavorano per lo Stato e parastato). 

Salteranno i contratti collettivi diretti tra datori di lavoro e organizzazioni dei lavoratori, modello di successo svizzero. Le negoziazioni saranno inutili siccome sostituiti dal salario minimo di legge per i frontalieri ma di fatto massimo per i ticinesi. 

Non è il prezzo fisso del lavoro che ci proteggerà dal dumping e dall’effetto sostituzione, anzi, se pagar poco da immorale diventa legale...

Solo la gestione intelligente della domanda e dell’offerta di lavoratori differenziando per settori economici ci può salvare da salari tendenti al basso, disoccupazione giovanile, emigrazione di cervelli e delocalizzazione di posti qualificati, fine della pace sociale tra categorie di lavoratori. 

È la dinamica quantitativa di Domanda e Offerta di qua e di là dal Confine che va governata seriamente, cioè mettendo in pratica quello che il popolo ticinese ha voluto fissare nella costituzione. Il resto come dice una pubblicità è contorno, in questo caso: dannoso.

*deputato UDC

Tags
legge
salario minimo
immorale
disastro
salario
prima
salario minimo senza
pagar poco
minimo senza
pagar
© 2019 , All rights reserved