Cronaca
06.02.2019 - 10:030

Un ex dirigente del DSS si autospende dal Consiglio della Magistratura. "Ma non sapevi di atti sessuali"

Ivan Pau-Lessi è stato nominato dal Parlamento come membro non togato. "Ho agito correttamente, allego anche la mia lettera di osservazioni. Ma così si può chiarire serenamente la mia posizione"

BELLINZONA – Non sapeva dei reati a sfondo sessuale compiuti dall’ex funzionario del DSS condannato settimana scorsa, però decide di autosospendersi dal Consiglio della Magistratura per poter permettere all’inchiesta amministrativa del Consiglio di Stato di chiarire eventuali responsabilità.

L’ex Municipale socialista di Giubiasco è stato un alto funzionario del DSS, ora è in pensione ed è stato nominato dal Gran Consiglio nel Consiglio della Magistratura come membro non togato. 

Il caso dell’uomo condannato sta suscitando ancora scalpore, al di là della gravità dei reati commessi, per il fatto che una delle ragazze coinvolte aveva parlato di quanto le stava accadendo a un funzionario. Cosa è successo con quelle denunce? Chi sapeva? Sono le domande che si stanno ponendo in molti, con vari atti parlamentari e prese di posizione dure di partiti e politici.

Così, Pau-Lessi fa un passo indietro, pur convinto di aver agito nel migliore dei modi.

La Regione riporta la lettera da lui inviata all’Ufficio Presidenziale del Gran Consiglio:

“Alla luce di quanto emerso settimana scorsa in relazione alla sentenza di condanna dell’operatore sociale e alle contestuali dichiarazioni rilasciate dal Giudice Villa a margine della motivazione orale della citata sentenza riguardo l’asserito ‘mancato intervento dello Stato’, pur contestando il fatto che mi siano allora state riportate informazioni di ‘atti di carattere sessuale’ compiuti dall’operatore in questione (allego per maggiore precisione su questo aspetto la mia lettera di ‘osservazioni’ trasmessa in data odierna al Consiglio di Stato) e, quindi, con la coscienza di chi ritiene di aver svolto correttamente il proprio dovere, ritengo opportuno nelle date circostanze comunicarvi la mia auto-sospensione dalla funzione di membro del Consiglio della magistratura, così da poter chiarire serenamente la mia posizione nel quadro dell’inchiesta amministrativa che il lodevole Consiglio di Stato ha deciso di avviare. 

Compio questo per me non facile passo anche allo scopo di consentire al Consiglio, di cui mi onoro di essere membro, di continuare a svolgere il proprio ruolo con l’autorevolezza e la tranquillità che questa importante funzione esige. 

Solo a conclusione dell’inchiesta e dopo le valutazioni sull’esito della medesima da parte del Consiglio di Stato e del vostro Ufficio, sarà possibile valutare I’eventuale continuazione del mandato”.

7 mesi fa "Preoccupante scenario di omertà in seno al DSS". La Lega attacca e chiede chiarezza
7 mesi fa "Tolleranza zero!". La promessa di Igor Righini dopo la sentenza di condanna per l'ex funzionario del DSS
7 mesi fa L'ipotesi shock: "Cameratismo in seno ai Dipartimento per insabbiare anche i comportamenti più inadeguati"
7 mesi fa La Corte: "Vi chiediamo scusa". Ma l'ex funzionario del DSS non va in carcere
7 mesi fa "Sembra un'Anna Karenina scritta male. Il tentativo di suicidio ci fu ma..."
7 mesi fa "Se mi lasci mi uccido". Ricattate e costrette a rapporti sessuali. Una perfino in un locale di scambisti
Tags
consiglio
magistratura
consiglio magistratura
consiglio stato
atti
dss
membro
posizione
lettera
inchiesta
© 2019 , All rights reserved