Cronaca
06.05.2019 - 16:000

Molinari, è tempo di trovare una soluzione. Che ancora non c'è

Fra una settimana partirà l'iter per la riqualifica della zona dell'ex Macello con il voto del credito per far partire il concorso di architettura. I relatori di maggioranza: "Gli autogestiti devono smetterla coi rifiuti al dialogo"

LUGANO – Il conto alla rovescia per gli autogestiti luganesi sta forse per cominciare. Non è un mistero, anzi, che Lugano abbia grandi progetti per l’ex Macello, piani che però non prevedono la presenza dei cosiddetti molinari. Quando la Città presentò i suoi piani, ci si augurava ancora di trovare una soluzione che non portasse allo sgombero, ma passi avanti, almeno ufficialmente, non pare siano stati fatti.

E dunque? Fra una settimana esatta il Consiglio Comunale discuterà la richiesta di credito per lanciare il concorso di architettura per la zona. La strada è ancora lunga, ma qualcosa prima o poi si dovrà decidere.

“Si chiede con determinazione che il Municipio possa trovare una nuova sistemazione a coloro che oggi si identificano in questa realtà. Chi la vive e vi si identifica deve invece, dal canto suo, smettere di opporre rifiuti categorici e immotivati e trovare fattivamente il dialogo con i rappresentanti della Città e andare oltre certi steccati ideologici. L’area in questione non deve più essere ostaggio di un atteggiamento francamente incomprensibile e precostituito”, si legge nel rapporto di maggioranza, a sostegno del credito, redatto dai rappresentanti di quattro partiti (Albertini per il PPD, Antonini per il PLR, Galeazzi per l’UDC e Medolago per la Lega). Per contro, due relatori di minoranza, Carlo Zoppi (Ps) e Nicola Schönenberger (Verdi) sono certi che “l’obiettivo di valorizzare il sedime ne uscirebbe rafforzato se all’interno dell’ampio sedime dell’ex Macello una parte venisse riservata alle attività sociali e culturali del Csoa, dando vita a una coabitazione costruttiva e sinergica fra Comune e realtà culturali indipendenti”. Una soluzione però difficilmente attuabile.

Il Municipio è incaricato di trovare una nuova sistemazione per i molinari, ma al momento non ve ne sono all’orizzonte.

© 2020 , All rights reserved