Media
16.01.2019 - 11:270
Aggiornamento : 13:48

Lillo Alaimo: "Le notizie non vanno censurate. E le fonti restano segrete"

Il settimanale che dirige ha pubblicato i contenuti del rapporto della CPI in merito al caso Argo ed è partita una denuncia verso ignoti per violazione del segreto d'ufficio

BELLINZONA – Non è la prima volta, negli ultimi anni, che il settimanale Il Caffè si trova a fare i conti con denunce. Noto a tutti è il caso della querelle col Sant’Anna, per la questione Rey. Ed ora, dopo che domenica è stato pubblicato il contenuto del rapporto della Commissione Parlamentare d’inchiesta sulla vicenda Argo, è partita dalla CPI una denuncia verso ignoti per aver diffuso il materiale.

Abbiamo interpellato il direttore Lillo Alaimo. Come reagisce alla denuncia (che non tocca direttamente il giornale bensì chi ha fatto pervenire le notizie)?

È deciso: “Le notizie vanno pubblicate, non censurate. E un giornalista risponde solo della veridicità di ciò che pubblica, indipendente da chi siano le fonti, che naturalmente restano segrete”.

3 mesi fa Infinito caso Argo, parte un'altra denuncia penale. "Violazione del segreto d'ufficio"
3 mesi fa Argo1, ecco il rapporto della CPI: gli addebiti a Beltraminelli e al Consiglio di Stato
Tags
notizie
fonti
denuncia
lillo alaimo
alaimo
© 2019 , All rights reserved