EDM Oilers
1
CAR Hurricanes
5
2. tempo
(1-3 : 0-2)
EDM Oilers
NHL
1 - 5
2. tempo
1-3
0-2
CAR Hurricanes
1-3
0-2
 
 
1'
0-1 NIEDERREITER
 
 
7'
0-2 SLAVIN
 
 
12'
0-3 NIEDERREITER
1-3 MANNING
20'
 
 
 
 
22'
1-4 MCGINN
 
 
25'
1-5 WALLMARK
NIEDERREITER 0-1 1'
SLAVIN 0-2 7'
NIEDERREITER 0-3 12'
20' 1-3 MANNING
MCGINN 1-4 22'
WALLMARK 1-5 25'
Ultimo aggiornamento: 21.01.2019 04:48
Sanità
17.09.2018 - 12:150

Figli, orgoglio e delusione. Moccetti si apre su Sanvido e i suoi familiari che lavorano al Cardio

"Paolo era come un figlio, ha sempre condiviso visioni e conti, ora mi sento ferito. Dante è stato voluto da Zwick, Marco ha portato competenze"

LUGANO – “Superiamo la contraddizione del noi contro di voi. Il cliché della sanità pubblica contro quella privata non vale in questo caso. L’iniziativa è chiara e prevede la creazione di una fondazione di pubblica utilità e senza scopo di lucro, i cui eventuali utili saranno reinvestiti nella ricerca”, è l’appello di Marco Chiesa. Si parla di Cardiocentro, un tema caldo con la raccolta di firme in corso (che sta andando molto bene), ma in generale di sanità: un argomento di cui si parlerà, per altre questioni, anche oggi in Gran Consiglio.

Ma al di là del dibattito su pubblico e privato (Marina Carobbio ha ribattuto che “è esattamente quanto già fanno dei poli d’eccellenza come lo IOSI e il Neurocentro, i quali – come è stato garantito al Cardiocentro dopo l’integrazione nell’EOC – dispongono della totale autonomia clinica e scientifica”), ieri a Piazza del Corriere sono state le risposte del professor Tiziano Moccetti a prendersi la ribalta.
I motivi per cui ritiene che l’ospedale del cuore deve mantenere una sua autonomia e dunque del perché è stata lanciata l’iniziativa sono ormai chiari. Moccetti si è esposto parlando dei rapporti con Paolo Sanvido, ora presidente del CdA dell’EOC e principale “avversario”, e con suoi due figli che lavorano al Cardiocentro.

“Per 10 anni è stato un valido membro del Consiglio di fondazione e ha sempre condiviso le visioni e i conti del Cardiocentro. Era come un figlio per me, ma ora mi sento ferito dal suo comportamento”, ha detto con amarezza.

Che si è tramutata in orgoglio quando gli è stato chiesto se il Cardiocentro non è ormai una sorta di azienda di famiglia, dato che vi lavorano i due figli. Il primo, ha spiegato, è il figlioccio di Zwick, fondatore dell’ospedale del cuore, che è stato il primo a volerlo assumere. “Di Dante io sono fiero anche per i tanti progetti portati avanti. Da 4 anni, dopo essere arrivato dall’estero, è poi attivo Marco, specialista in cardiologia che ha portato in Ticino la tecnica radiale di cui hanno beneficiato tutti i pazienti ticinesi”. E aggiunge che “in ogni famiglia si discute di determinati argomenti i figli possono essere entusiasmati dai loro padri o dalle loro madri”. Come successo ai suoi.

Tags
cardiocentro
figli
orgoglio
sanvido
marco
© 2019 , All rights reserved